Archivio blog

sabato 30 aprile 2016

GENIO Italiano Giuseppe Cotellessa: Una vitamina l'elisir di giovinezza degli organi /...

GENIO Italiano Giuseppe Cotellessa: Una vitamina l'elisir di giovinezza degli organi /...: Una vitamina l'elisir di giovinezza degli organi / A vitamin the elixir of youth bodies Segnalato dal Dott. Giuseppe Cotellessa / ...

Una vitamina l'elisir di giovinezza degli organi / A vitamin the elixir of youth bodies

Una vitamina l'elisir di giovinezza degli organi / A vitamin the elixir of youth bodies

Segnalato dal Dott. Giuseppe Cotellessa / 
Reported by Dr. Joseph Cotellessa

 

Una vitamina riesce a bloccare l'invecchiamento degli organi (fonte: Thomas Deerinck and Mark Ellisman, NCMIR, UCSD)

 Blocca l'invecchiamento, sperimentata nei topi


 
Diventa possibile bloccare l'invecchiamento degli organi. Lo ha dimostrato, sui topi, l'effetto di una vitamina finora nota per accelerare il metabolismo, la Nr (nitotinamide riboside), una forma di vitamina B3. Descritto sulla rivista Science, il risultato è il frutto del lavoro dei ricercatori guidati da Johan Auwerx, del Politecnico federale di Losanna.

La vitamina Nr ha dimostrato di avere un effetto positivo sul funzionamento delle cellule staminali e sulla capacità degli organi di rigenerarsi, che diminuisce con l'età. Per capire come ciò avvenga, i ricercatori si sono serviti di alcuni marcatori, con cui hanno identificato la catena di molecole che regola il funzionamento dei mitocondri - le centraline energetiche della cellula - e i loro cambiamenti con l'invecchiamento.

''Per la prima volta abbiamo dimostrato che la capacità dei mitocondri di funzionare bene è importante per le cellule staminali'', - commenta Auwerx . In condizioni normali le cellule staminali rigenerano gli organi danneggiati producendo nuove cellule specializzate. Almeno negli organismi giovani. ''L'indebolimento nelle staminali è una delle molte cause della cattiva rigenerazione o degenerazione di alcuni tessuti e organi'', aggiunge Hongbo Zhang, primo autore dello studio.

Per rivitalizzare le staminali nei muscoli di topi vecchi, i ricercatori hanno lavorato sulle molecole che aiutano i mitocondri a funzionare bene. ''Abbiamo dato ai topi l'Nr - continua - che è importante per l'attività dei mitocondri e i risultati sono stati promettenti: hanno vissuto più a lungo e hanno avuto una maggiore rigenerazione muscolare''.

Un risultato che può avere implicazioni molto importanti per la medicina rigenerativa. ''Non stiamo parlando di introdurre sostanze esterne al corpo - conclude Auwerx - quanto di ripristinare la capacità dell'organismo di autoripararsi con un prodotto che può essere assunto con il cibo''.

ENGLISH

Block aging, tested in mice
 
It becomes possible to stop the aging of organs. This was demonstrated, on mice, the effect of a so far known vitamin to accelerate the metabolism, the Nr (nitotinamide riboside), a form of vitamin B3. Described in the journal Science, the result is the fruit of the work of researchers led by Johan Auwerx, the Federal Institute of Technology Lausanne.

No. vitamin has been shown to have a positive effect on the functioning of stem cells and the ability of the organs to regenerate, which decreases with age. To understand how this happens, researchers have used some markers, which identified the chain of molecules that regulates the functioning of the mitochondria - the energy units of the cell - and their changes with aging.
'' For the first time we have shown that the ability of mitochondria to function well it is important for stem cells '', - says Auwerx. Under normal conditions, stem cells regenerate damaged organs by producing new specialized cells. At least in young bodies. '' The weakening in the stem is one of many causes of poor regeneration or degeneration of some tissues and organs '', adds Zhang Hongbo, first author of the study.
To revitalize the stem in old mice muscles, the researchers have been working on molecules that help the mitochondria to function well. '' We gave the mice the no - more - which is important for the activity of mitochondria, and the results have been promising: they lived longer and had a greater muscle regeneration ''.
A result that can have very important implications for regenerative medicine. '' We're not talking of introducing foreign substances to the body - concludes Auwerx - how to restore the body's ability to repair itself with a product that can be taken with the '' food.


Da:

http://www.ansa.it/scienza/notizie/rubriche/biotech/2016/04/29/una-vitamina-lelisir-di-giovinezza-degli-organi_11172114-ca1b-49

 



 


venerdì 29 aprile 2016

GENIO Italiano Giuseppe Cotellessa: Fusion analysis suggests promise for smaller, chea...

GENIO Italiano Giuseppe Cotellessa: Fusion analysis suggests promise for smaller, chea...: Fusion analysis suggests promise for smaller, cheaper reactors /  Analisi sulla fusione suggerisce la promessa per più piccoli reattori, m...

Fusion analysis suggests promise for smaller, cheaper reactors / Analisi sulla fusione suggerisce la promessa per più piccoli reattori, meno costosi.

Fusion analysis suggests promise for smaller, cheaper reactors /  Analisi sulla fusione suggerisce la promessa per più piccoli reattori, meno costosi.


Segnalato dal Dott. Giuseppe Cotellessa / Reported by Dr. Joseph Cotellessa

New analysis of experimental plasma containment devices suggests that making energy from nuclear fusion might not require the building of enormous, complicated fusion reactors.
Alan Costley, a physicist working for the company Tokomak Solutions in Culham, Oxfordshire, has written a paper in the journal Nuclear Fusion which suggests that there may only be a weak link between the size of a magnetic-confinement fusion reactor and the point at which it produces more power than it takes to operate.
Until now, most fusion research has focused on the principle that ‘bigger is better’. The best-researched and most advanced form of nuclear fusion device is the tokamak, a toroidal (doughnut-shaped) vacuum vessel surrounded by powerful electromagnets that both confine a hydrogen plasma (a mixture of different isotopes of hydrogen, in a state where their charged nuclei are separated from their associated electrons) and force the plasma particles to circulate around the torus. The combination of the magnetic squeezing and the speed of the particles (to which other devices also contribute) forces the nuclei to collide at high energies, fusing together to form helium nuclei and releasing a burst of energy.
The problem is that powering the electromagnets and heating the plasma requires a large energy input; so much that, to get to the point where fusiuon occurs, the energy input far outweighs the energy output. Current projects are using superconducting materials to form the electromagnets, to reduce the power requirement for the magnetic field. But it has been thought that even with this technology, a large volume of plasma was still needed to produce enough fusion to increase the power output. This has led to projects such as ITER, the international attempt to build the world’s largest tokamak to date, twice as large as its predecessor. However, ITER is a vastly complex and expensive undertaking which is already behind its original schedule. 
Costley’s analysis contradicts this thinking. Taking data from the operation of the largest currently-operating tokamak, JET at Culham, and experimental ‘spherical’ tokamaks (so called because the ‘hole’ in the doughnut is very much smaller than the overall diameter) at the same site, Costley looked at how power output depends on size, plasma current and magnetic field strength, and combined this with the ‘operational limits’ which dictate the plasma conditions needed for ther best results. This, he claims, shows that tokamak performance doesn’t depend on size.
“The implications for the design of pilot plants and reactors are significant and potentially positive,” he said. “Providing sufficient fusion power and in-vessel power handling capabilities can be achieved, relatively small devices can have a high fusion gain. Such devices would open the possibility of a much faster development path and also, perhaps, lead to fusion reactors based on multiple modules rather than one large power unit.” This would mean that the path to fusion is potentially cheaper and less costly than had previously been thought: Costley estimates that, with development accelerating on high-temperature superconductors and neutron-absorbing materials, commercial fusion could be ten years off, rather than the oft-quoted three decades.
Dr David Kingham, chief executive of Tokamak Energy, said: “This work by Dr Alan Costley is further validation for our approach of accelerating the development of fusion power; our earlier paper looking at small scale fusion reactors  published in 2015 is the most downloaded paper in the history of the journal and has set in motion this fundamental shift in tokamak fusion science.  We will make fast progress by keeping devices small, using the efficient spherical tokamak shape and by using the latest generation of high temperature superconductors to generate the strong magnetic fields necessary while reducing the energy input. This work adds further weight to our ideas for compact 100MW fusion power modules. They are shown to be feasible from a physics perspective and are now primarily a materials and engineering challenge.”
ITALIANO

Una nuova analisi di dispositivi sperimentali di contenimento del plasma suggerisce che per ottenere l'energia da fusione nucleare potrebbe non richiedere la costruzione di enormi e complicati reattori a fusione.

Alan Costley, un fisico che lavora per l'azienda Tokomak Solutions a Culham, Oxfordshire, ha scritto un articolo sulla rivista Fusione nucleare che suggerisce che ci potrebbe essere solo un anello debole tra le dimensioni di un reattore a fusione a confinamento magnetico e il punto in cui produce più potenza di quello che è necessario per realizzarla.

Fino ad ora, la maggior parte ricerca sulla fusione si è concentrata sul principio che 'più grande è meglio'. La forma più studiata e più avanzata del dispositivo di fusione nucleare è il tokamak, un toroidale (a forma di ciambella) da vuoto circondato da elettromagneti potenti che limitano un plasma di idrogeno (una miscela di diversi isotopi di idrogeno, in uno stato in cui la loro carica nucleare è separata dai loro elettroni associati) e costringono le particelle di plasma a circolare intorno al toro. La combinazione della costrizione magnetica e la velocità delle particelle (a cui anche altri dispositivi contribuiscono) costringe i nuclei a scontrarsi ad alte energie, fondendo insieme per formare nuclei di elio e rilasciando un lampo di energia.

Il problema è che alimentare gli elettromagneti e riscaldare il plasma richiede un grande apporto energetico; tanto che, per arrivare al punto in cui si verifica la fusione, l'assorbimento di energia supera di gran lunga la produzione di energia. Progetti attuali utilizzano materiali superconduttori per formare gli elettromagneti, per ridurre la potenza richiesta per il campo magnetico. Ma si è pensato che anche con questa tecnologia, un grande volume di plasma era ancora necessaria per produrre abbastanza fusione per aumentare la potenza. Ciò ha portato a progetti come ITER, il tentativo internazionale per costruire il più grande tokamak del mondo fino ad oggi, due volte più grande del suo predecessore. Tuttavia, ITER è un impegno estremamente complesso e costoso, che è già indietro rispetto al suo programma originale.

L'analisi di Costley contraddice questo pensiero. Prendendo i dati dal funzionamento del più grande tokamak attualmente operativo, JET a Culham, e dello sperimentale tokamak 'sferica' (così chiamato perché il 'buco' nel ciambella è molto molto più piccolo del diametro complessivo) nello stesso sito, Costley ritiene come la potenza dipenda dalla dimensione, dalla corrente di plasma e dalla forza del campo magnetico, e bisogna combinare questo con i "limiti operativi" che dettano le condizioni necessarie per migliori risultati. Questo, sostiene, dimostra che le prestazioni del tokamak non dipende dimensioni.

"Le implicazioni per la progettazione di impianti pilota e reattori sono significativi e potenzialmente positivi", ha detto. "Fornire energia da fusione sufficiente e la capacità di gestione di potenza possono essere raggiunte, e relativamente piccoli dispositivi possono avere un guadagno elevato di fusione. Tali dispositivi aprono la possibilità di un percorso di sviluppo molto più veloce e forse è possibile anche portare a reattori a fusione basate su moduli multipli piuttosto che una unità di alimentazione di grandi dimensioni. "Ciò significa che il percorso per la realizzazione della fusione è potenzialmente più economico e meno costoso come in precedenza è stato pensato: Costley stima che, con lo sviluppo accelerato dei superconduttori ad alta temperatura e materiali di neutroni di assorbimento, la fusione commerciale potrebbe avvenire in dieci anni fuori, piuttosto che negli spesso citati tre decenni.

Il dottor David Kingham, amministratore delegato di Tokamak Energia, ha dichiarato: "Questo lavoro dal Dr. Alan Costley è un'ulteriore conferma per il nostro approccio di accelerare lo sviluppo di energia da fusione; il nostro primo articolo che riguarda i reattori a fusione su piccola scala pubblicati nel 2015 è l'articolo più scaricato nella storia della rivista e ha messo in moto questo cambiamento fondamentale nella scienza della fusione tokamak. Faremo progredire velocemente, mantenendo i dispositivi di piccole dimensioni, utilizzando la forma sferica tokamak efficiente e utilizzando l'ultima generazione di superconduttori ad alta temperatura per generare i forti campi magnetici necessari, riducendo l'apporto di energia. Questo lavoro aggiunge ulteriore peso alle nostre idee per moduli di potenza a fusione compatti di 100MW. Essi hanno dimostrato che sia fattibile dal punto di vista fisico e sono ora in primo luogo una sfida dei materiali e dell' ingegneria ".
Da:
http://www.theengineer.co.uk/fusion-analysis-suggests-promise-for-smaller-cheaper-reactors/?cmpid=tenews_2246762

GENIO Italiano Giuseppe Cotellessa: DNA Strings Turned Into Molecular Thermometers / L...

GENIO Italiano Giuseppe Cotellessa: DNA Strings Turned Into Molecular Thermometers / L...: DNA Strings Turned Into Molecular Thermometers / Le stringhe di DNA trasformate in Termometri molecolari Segnalato dal Dott. Giuseppe C...

DNA Strings Turned Into Molecular Thermometers / Le stringhe di DNA trasformate in Termometri molecolari

DNA Strings Turned Into Molecular Thermometers / Le stringhe di DNA trasformate in Termometri molecolari


Segnalato dal Dott. Giuseppe Cotellessa / Reported by Dr. Joseph Cotellessa



DNA


At the University of Montreal scientists have created a DNA-based thermometer that is so tiny that it can be inserted into cells to read the temperature inside. The inspiration came from seeing naturally occurring molecules being used to sense the temperature in the biological world. Such molecules fold and unfold at specific temperatures and so their shape tells how hot their nearby environment is.
The thermometers are only 5 nanometers in diameter and are created from nucleotides by relying on the idea that adenine binds weakly to thymine, while cytosine and guanine form a stronger bond. The molecular thermometers can be made in quantity, each folding and unfolding at different temperatures, providing the necessary resolution for detailed studies. An optical reporter attached to the molecule can be used to detect the shape of the molecules and so know the temperature nearby.
From the study abstract in journal Nano Letters:
Using structural modifications or inexpensive DNA stabilizers, we show that we can tune the transition midpoints of DNA thermometers from 30 to 85 °C. Using multimeric switch architectures, we are able to create ultrasensitive thermometers that display large quantitative fluorescence gains within small temperature variation (e.g., > 700% over 10 °C). Using a combination of thermoswitches of different stabilities or a mix of stabilizers of various strengths, we can create extended thermometers that respond linearly up to 50 °C in temperature range. Here, we demonstrate the reversibility, robustness, and efficiency of these programmable DNA thermometers by monitoring temperature change inside individual wells during polymerase chain reactions.
ITALIANO

 Presso l'Università di Montreal scienziati hanno creato un termometro basato sul DNA che è così piccolo che può essere inserito in cellule per leggere la temperatura interna. L'ispirazione è venuta dal vedere molecole naturali utilizzate per rilevare la temperatura nel mondo biologico. Tali molecole si piegano e si aprono a temperature specifiche e così la loro forma racconta come è caldo il loro ambiente nelle vicinanze .

I termometri sono solo 5 nanometri di diametro e sono creati da nucleotidi basandosi sull'idea che l'adenina si lega debolmente a timina, citosina mentre formano un legame più forte con e guanina. I termometri molecolari possono essere realizzati in quantità, ogni chiusura e l'apertura a diverse temperature, fornendo la risoluzione necessaria per studi approfonditi. Un rivelatore ottico collegato alla molecola può essere utilizzato per rilevare la forma delle molecole e quindi conoscere la temperatura vicina.

Da un passo estratto dello studio sulla rivista Nano Letters:

Utilizzando modifiche strutturali o stabilizzatori di DNA a basso costo, dimostriamo che possiamo ottimizzare i punti medi di transizione dei termometri di DNA da 30 a 85 ° C. L'utilizzo di architetture di commutazioni multimeriche consente di creare i termometri ultrasensibili che visualizzano grandi guadagni di fluorescenza quantitative alla variazione di temperatura di piccole dimensioni (ad esempio,> 700% oltre 10 ° C). Usando una combinazione di termostati di diversi stabilità o di una miscela di stabilizzanti di diversi punti di forza, possiamo creare termometri estesi che rispondono in modo lineare fino a 50 ° C nel campo di temperatura. Qui, dimostriamo la reversibilità, la robustezza e l'efficienza di questi termometri DNA programmabili per il monitoraggio del cambiamento della temperatura all'interno di singoli pozzetti durante le reazioni a catena della polimerasi.
Da:

 http://www.medgadget.com/2016/04/dna-strings-turned-into-molecular-thermometers.html


giovedì 28 aprile 2016

GENIO Italiano Giuseppe Cotellessa: La memoria prionica delle piante. Un pulsante di r...

GENIO Italiano Giuseppe Cotellessa: La memoria prionica delle piante. Un pulsante di r...: La memoria prionica delle piante.  Un pulsante di reset per la "memoria" delle piante. /  The prion memory of the plants. A reset...

La memoria prionica delle piante. Un pulsante di reset per la "memoria" delle piante. / The prion memory of the plants. A reset button for the "memory" of the plants.

La memoria prionica delle piante. Un pulsante di reset per la "memoria" delle piante. / The prion memory of the plants. A reset button for the "memory" of the plants.

Segnalato dal Dott. Giuseppe Cotellessa / Reported by Dr. Joseph Cotellessa

La memoria prionica delle piante


Anche le piante hanno un meccanismo che permette di ricordare gli eventi salienti della loro esistenza, dall'esposizione alla siccità o al freddo fino alle aggressioni da parte di agenti patogeni. Questa memoria è conservata in modo diffuso da proteine che hanno le stesse caratteristiche dei prioni.
Anche le piante formano dei "ricordi", ossia tengono traccia delle loro precedenti esposizioni a siccità, calore, freddo prolungato, agenti patogeni, oltre che della lunghezza del giorno. La memoria di questi eventi permette alla pianta di distinguere, per esempio, l'improvviso crollo della temperatura di una sola nottata dalla prolungata esposizione al freddo invernale che, grazie alla stabilità di questa memoria, promuove la fioritura in primavera.

Ma non solo: se esposto al freddo, un callo vegetale - una massa di tessuti indifferenziati - si sviluppa in una nuova pianta che si comporta come se avesse passato un inverno rigido, senza averlo mai realmente sperimentato. Ciò dimostra che la memoria delle piante viene trasmessa per via epigenetica, ossia attraverso proteine che influenzano l'espressione dei geni.

Il fenomeno è, in un certo senso, simile a quello del cosiddetto potenziamento a lungo termine delle sinapsi neuronali che permette la conservazione dei ricordi nel cervello degli animali, e che - come è stato dimostrato di recente - coinvolge delle proteine che hanno caratteristiche simili a quelle dei prioni.

Grazie alla conoscenza della sequenza di DNA che codifica per una proteina prionica presente nei lieviti, Susan Lindquist e colleghi hanno passato al setaccio l'intero genoma di Arabidopsis thaliana per identificarne le regioni che mostravano una certa somiglianza con quella sequenza. In questo modo gli autori hanno 
identificato 474 proteine potenzialmente prioniche, che hanno poi vagliato sulla base di considerazioni strutturali e di test in vitro.

In questo modo sono riusciti a isolare una proteina, la luminidependens (LD), che è coinvolta nella fioritura e mostra le caratteristiche delle proteine prioniche, come la capacità di autoreplicarsi. Secondo gli autori la conformazione di luminidependens e alcuni test in vitro suffragano l'ipotesi che si tratti di una proteina prionica -  la prima mai individuata in una pianta - che media le memorie di Arabidopsis, o quanto meno quelle che hanno a che fare con il processo di fioritura.

Un pulsante di reset per la "memoria" delle piante

Le piante possiedono meccanismi che permettono di "ricordare" gli stress a cui sono sottoposte e di reagire più prontamente quando si ripresentano, adattando il proprio metabolismo. Se però uno stress si dimostra occasionale, dopo un certo tempo la memoria viene cancellata.

Le piante dispongono di un meccanismo che permette loro di azzerare la “memoria ambientale” delle condizioni in cui sono vissute per adattare la propria fisiologia a una situazione nuova. A identificare i principali meccanismi di questa strategia evolutiva è stato un gruppo di ricercatori dell'Australian National University a Canberra.
Le piante crescono e sono coltivate in ambienti dinamici, dove possono essere esposte a una molteplicità di fattori stressanti, che influenzano il loro sviluppo, la resa, e, in ultima analisi, il loro successo riproduttivo. Le piante, tuttavia, riescono ad acclimatarsi rapidamente e non di rado perfino a rafforzarsi e ad aumentare le proprie difese, grazie a un meccanismo di memoria degli stress subiti che consente risposte rapide e più efficaci di fronte al ripetersi di una perturbazione ambientale.

Alcune situazioni di stress – per esempio un periodo di siccità - possono persistere per settimane o mesi, ma più spesso gli stress subiti dalle piante sono transitori.  Per esempio, nel corso di una giornata, le foglie del sottobosco possono essere esposte ripetutamente a macchie di luce e al rischio di disidratarsi.

Una prima esposizione a questo stress può innescare un meccanismo di risposta con la produzione di sostanze – particolari sequenze di RNA - che, rimanendo nella pianta, ne accelerano la risposta a un ripresentarsi successivo dello stesso problema. Queste sequenze di RNA, cioè, rappresentano una memoria dello stress subito e operano a livello epigenetico, ossia alterano i livelli di espressione di diversi geni.

In alcuni casi, però, il meccanismo non pare funzionare. Ora Peter A. Crisp e colleghi hanno scoperto che non si tratta di un difetto della
memoria della pianta, ma dell'espressione di un meccanismo che conferisce una capacità di adattamento ancora superiore: se la memoria dei fattori di stress rimanesse stabilmente ma per i fattori che hanno generato quella memoria finissero, la pianta si troverebbe svantaggiata. Meglio dunque poter “resettare” la memoria e tornare allo stato originario.

Questo meccanismo di reset è risultato legato al metabolismo dell'RNA della pianta: in particolare, l'RNA che conserva la memoria viene conservato o degradato a seconda del tempo che intercorre fra due eventi stressanti dello stesso tipo.

ENGLISH

Even plants have a mechanism that allows you to remember the main events of their existence, from exposure to drought or cold to the attacks by pathogens. This memory is maintained in a manner popularized by proteins that have the same characteristics of prions.
Plants also form the "memories" that they keep track of their previous exposure to drought, heat, prolonged cold, pathogens, as well as the length of the day. The memory of these events allows the plant to distinguish, for example, the sudden collapse of the temperature of a single night from prolonged exposure to winter cold that, thanks to the stability of this memory, promotes flowering in the spring.

But not only when exposed to the cold, a plant callus - a mass of undifferentiated tissue - develops into a new plant that behaves as if it had been a hard winter, without ever really experienced. This shows that the memory of the plants is transmitted via epigenetics, ie through proteins that influence the expression of genes.

The phenomenon is, in a sense, similar to that of the so-called long-term potentiation of the neuronal synapses that allows the storage of memories in the animal brain, and that - as has been demonstrated recently - involves the proteins that have similar features to those of prions.

Thanks to the knowledge of the DNA sequence coding for a prion protein found in yeasts, Susan Lindquist and colleagues sifted through the entire genome of Arabidopsis thaliana to identify the regions that showed a certain resemblance to that sequence. In this way the authors have
identified 474 potentially prion proteins, which have then screened based on structural considerations and in vitro tests.

In this way they were able to isolate a protein, luminidependens (LD), which is involved in flowering and shows the characteristics of the prion protein, such as the ability to self-replicate. According to the authors the conformation of luminidependens and some in vitro tests support the hypothesis that it is a prion protein - the first ever detected in a plant - which mediates the memories of Arabidopsis, or at least those that have to do with the flowering process.

A reset button for the "memory" of plants
The plants have mechanisms that allow you to "remember" the stresses to which they are subjected and respond more quickly when they recur, adapting their metabolism. If, however, a stress is demonstrated occasional, after a certain time the memory is cleared.

The plants have a mechanism that allows them to reset the "environmental memory" of the conditions in which they lived to adapt their physiology to a new situation. To identify the main mechanisms of this evolutionary strategy was a group of researchers at the Australian National University in Canberra.
The plants grow and are cultivated in dynamic environments, where they can be exposed to a variety of stressors that affect their development, yield, and, ultimately, their reproductive success. The plants, however, are able to acclimate quickly and often even to strengthen and boost the immune system, thanks to a memory mechanism of sustained stress that allows rapid response and more effective in front of the recurrence of an environmental disturbance.

Some stress situations - for example a period of drought - may persist for weeks or months, but more often the stress suffered by the plants are transient. For example, in the course of a day, the leaves of the undergrowth can be repeatedly exposed to the spots of light and to the risk of dehydration.

A first exposure to this stress can trigger a response mechanism with the production of substances - specific RNA sequences - that, remaining in the plant, accelerate the response to a subsequent recurrence of the same problem. These RNA sequences, ie, representing a stress memory and immediately operate at the epigenetic level, that alter the expression levels of different genes.

In some cases, however, the mechanism seems not to work. Now Peter A. Crisp and colleagues found that this is not a defect of
memory of the plant, but the expression of a mechanism that gives a still higher adaptability: if the memory of the stress factors remain stably but for the factors that have generated that would end memory, the plant will be disadvantaged. Better therefore to "reset" the memory and return to its original state.

This reset mechanism is linked to the result of RNA metabolism of the plant: in particular, the RNA that preserves the memory is stored or degraded depending on the time that elapses between two of the same stressful events.

Da:

http://www.lescienze.it/news/2016/04/27/news/memoria_piante_proteine_prioni-3066927/

http://www.lescienze.it/news/2016/02/23/news/piante_azzeramento_memoria_variazioni_ambiente_stress-2982526/

GENIO Italiano Giuseppe Cotellessa: Commento del Dott. Massimo Lucani sulle applicazio...

GENIO Italiano Giuseppe Cotellessa: Commento del Dott. Massimo Lucani sulle applicazio...: Commento del Dott. Massimo Lucani sulle applicazioni pratiche del procedimento del brevetto ENEA RM2012A000637 / Dr. Massimo Lucani's  c...

Commento del Dott. Massimo Lucani sulle applicazioni pratiche del procedimento del brevetto ENEA RM2012A000637 / Dr. Massimo Lucani's comments on practical applications of the patent process ENEA RM2012A000637on practical applications of the patent process ENEA RM2012A000637 / Commentaires du Dr. Massimo Lucani sur les applications pratiques de la procédure du brevet ENEA RM2012A000637 / Kommentare von Dr. Massimo Lucani auf die praktische Anwendung des Patentprozesses ENEA RM2012A000637 / Comenta el Dr. Massimo Lucani en las aplicaciones prácticas del proceso de patente ENEA RM2012A000637 / Comenta o Dr. Massimo Lucani em aplicações práticas do processo de patente ENEA RM2012A000637 / Комментарии доктор Массимо Lucani на практическом применении патентной процесса ЭНЕА RM2012A000637 / 评论马西莫卢西亚妮博士专利程序ENEA RM2012A000637的实际应用 / 博士マッシモ・ルチアーニは、特許プロセスENEA RM2012A000637の実用的なアプリケーションへのコメント

Commento del Dott. Massimo Lucani sulle applicazioni pratiche del procedimento del brevetto ENEA RM2012A000637 / Dr. Massimo Lucani's  comments on practical applications of the patent process ENEA RM2012A000637on practical applications of the patent process ENEA RM2012A000637 / Commentaires du Dr. Massimo Lucani sur les applications pratiques de la procédure du brevet ENEA RM2012A000637 /
Kommentare von Dr. Massimo Lucani auf die praktische Anwendung des Patentprozesses ENEA RM2012A000637 / Comenta el Dr. Massimo Lucani en las aplicaciones prácticas del proceso de patente ENEA RM2012A000637 / Comenta o Dr. Massimo Lucani em aplicações práticas do processo de patente ENEA RM2012A000637 / Комментарии доктор Массимо Lucani на практическом применении патентной процесса ЭНЕА RM2012A000637 / 评论马西莫卢西亚妮博士专利程序ENEA RM2012A000637的实际应用 / 博士マッシモ・ルチアーニは、特許プロセスENEA RM2012A000637の実用的なアプリケーションへのコメント


Risultati immagini per foto madre teresa di calcutta

Le applicazioni pratiche alle più diverse tecnologie del procedimento del brevetto ENEA RM2012A000637 del genio italiano Dott. Giuseppe Cotellessa  aiuterebbe a non far indignare Madre Teresa di Calcutta “Quello che più mi indigna è lo spreco”.

Ciò consentirebbe risparmio sia di tempo che di risorse in ogni senso.

Practical applications to different technologies of the patent process ENEA RM2012A000637 the Italian genius Dott. Giuseppe Cotellessa would help not to be ashamed of Mother Teresa of Calcutta "What angers me the most is the waste."
This would allow savings of both time and resources in every sense.

Les applications pratiques à différentes technologies du processus de brevet ENEA RM2012A000637 génie italien Dott. Giuseppe Cotellessa aiderait à ne pas avoir honte de Mère Teresa de Calcutta "Ce qui me fâche le plus est le gaspillage."
Cela permettrait des économies de temps et de ressources dans tous les sens.

Praktische Anwendungen auf unterschiedlichen Technologien des Patentprozesses ENEA RM2012A000637 das italienische Genie Dott. Giuseppe Cotellessa helfen würde, sich nicht schämen, zu der Mutter Teresa von Kalkutta "Was ärgert mich am meisten ist der Abfall."
Dies würde Einsparungen von Zeit und Ressourcen in jeder Hinsicht ermöglichen.

Las aplicaciones prácticas a diferentes tecnologías de proceso de patentes ENEA RM2012A000637 del genio italiano Dott. Giuseppe Cotellessa ayudaría a no avergonzarse de la Madre Teresa de Calcuta "Lo que me irrita más es el desperdicio".
Esto permitiría un ahorro de tiempo y recursos en todos los sentidos.

As aplicações práticas para diferentes tecnologias do processo de patente ENEA RM2012A000637 o gênio italiano Dott. Giuseppe Cotellessa ajudariam a não ter vergonha de Madre Teresa de Calcutá "O que me irrita mais é o desperdício".
Isso permitiria uma economia de tempo e recursos em todos os sentidos.

Практическое применение в различных технологиях патента процесса ЭНЕА RM2012A000637 итальянский гений Дотт. Джузеппе Cotellessa помогли бы не было стыдно Матери Терезы из Калькутты "Что возмущает меня больше всего отходов."
Это позволило бы сэкономить времени и ресурсов во всех смыслах.

实际应用中的专利程序ENEA RM2012A000637不同的技术天才的意大利多特。朱塞佩Cotellessa将有助于不会感到羞愧加尔各答特蕾莎修女的“是什么激怒了我最多的就是浪费。”
这将允许在任何意义上的时间和资源的节省。

ジュゼッペCotellessaはカルカッタのマザー・テレサの恥じることではないに役立つだろうイタリアの天才Dott。特許プロセスENEA RM2012A000637の異なる技術を実用的なアプリケーション「一番私を怒らせることは無駄です。」
これは、あらゆる意味で両方の時間とリソースの節約を可能にするであろう。













mercoledì 27 aprile 2016

GENIO Italiano Giuseppe Cotellessa: GENIO Italiano Giuseppe Cotellessa: Commento del D...

GENIO Italiano Giuseppe Cotellessa: GENIO Italiano Giuseppe Cotellessa: Commento del D...: GENIO Italiano Giuseppe Cotellessa: Commento del Dott. Massimo Lucani su procedimento ... : Commento del Dott. Massimo Lucani su procediment...

Largest ever space mirror revealed by NASA /Grande specchio per lo spazio mai rivelato dalla NASA.


Largest ever space mirror revealed by NASA /Grande specchio per lo spazio mai rivelato dalla NASA.


Segnalato dal Dott. Giuseppe Cotellessa / Reported by Dr. Joseph Cotellessa



6.5m diameter primary mirror of the James Webb Space Telescope is uncovered for the first time
6.5m diameter primary mirror of the James Webb Space Telescope is uncovered for the first time

The primary mirror for the largest ever space telescope has been revealed for the first time at NASA’s Goddard Space Center in Maryland.
The 6.5m-diameter primary mirror for the James Webb Space Telescope (JWST), which will be the successor to the Hubble Telescope when it is launched in 2018, has been uncovered in preparation for the fitting of the telescope’s vital instrumentation.
While previous space telescope mirrors have been single pieces, JWST’s primary mirror – the component that collects photons from its distant observation targets and determines both the brightness of its images and how far it can see into space – is so big that it is built up from sections. The mirror comprises eighteen hexagonal sections, each one 1.32m in diameter, measured from a flat side to its opposite flat side (rather than from vertex to opposite vertex). By comparison, Hubble’s primary mirror is 2.4m across, and the largest previous space telescope primary, which belonged top the European infra-red telescope Herschel, was 3.5m in diameter.
Segmenting the mirror allowed JWST’s designers to maximise its area while minimising its mass. Each segment, made from the light metal beryllium and coated with highly-polished gold to create its reflective surface, weighs about 20kg, and has less than a tenth of the mass per unit area than Hubble’s primary. Moreover, the segmented structure allows the sides of the mirror to be folded in on itself so that it fits inside the faring of its launch vehicle, the European Ariane V rocket. Each mirror is equipped with six actuators to alter its tilt and orientation, and another in its centre to adjust its curvature; together, these devices form the focusing system for the telescope (the telescope’s secondary mirror has the six orientation actuators but not the central curvature one).
Each mirror was installed with a protective cover, but these were not fixed in place. As the telescope must be rotated so that the instruments can be mounted behind the primary mirror, the covers had to be removed. The protective, low-dust environment of the Goddard clean room will prevent the mirror from being damaged during this operation. Once the instruments are attached, JWST will be sent for environmental testing where it will be shaken and blasted with sound to simulate launch; it will then be vacuum- and chill-tested. Once these tests are completed, the telescope’s flight and communications systems and sunshade will be installed, and the whole assembly dispatched to the ESA spaceport in Equatorial Guinea for launch.
JWST’s mission is to observe very distant galaxies to investigate the conditions of the young universe. It will uses instruments from the US, Canada and Europe. ESA has provided two instruments: the mid-infrared instrument (MIRI), which will detect the red-shifted light from receding galaxies, new stars, comets and objects in the Kuiper belt; and the near-infrared spectragraph, which will be the first instrument in space capable of observing 100 objects simultaneously.

ITALIANO

Lo specchio primario per il più grande telescopio spaziale è stato rivelato per la prima volta al Goddard Space Center della NASA nel Maryland.
Lo specchio primario 6.5m di diametro per il James Webb Space Telescope (JWST), che sarà il successore del telescopio Hubble quando vERRà lanciato nel 2018, è stato scoperto in preparazione per il montaggio della strumentazione del telescopio.
Mentre precedenti specchi Space Telescope sono stati pezzi singoli, LO specchio primario del JWST - il componente che raccoglie i fotoni dai suoi obiettivi di osservazione a distanza e determina sia la luminosità delle sue immagini e quanto si può vedere nello spazio - è così grande che è costruito da sezioni. Lo specchio comprende diciotto sezioni esagonali, ognuna 1.32m di diametro, misurata da un lato piatto per il suo lato piatto opposto (piuttosto che dal vertice a vertice opposto). In confronto, LO specchio primario di Hubble è 2,4 m di diametro, e il più grande precedente primario telescopio spaziale, che apparteneva al telescopio europeo infrarossi Herschel, era 3.5m di diametro.
La segmentazione ldelo specchio ha permesso ai progettisti di JWST di massimizzare la sua area, riducendo al minimo la sua massa. Ogni segmento, fatta da berillio metallo leggero e rivestito con oro altamente lucidato per creare la superficie riflettente, pesa circa 20 kg, e ha meno di un decimo della massa per unità di area rispetto primaria di Hubble. Inoltre, la struttura segmentata consente ai lati dello specchio di essere piegato su se stesso in modo che si adatti all'interno del suo veicolo di lancio, il razzo europeo Ariane V. Ogni specchio è dotato di sei attuatori per modificare l'inclinazione e l'orientamento, e un altro nel suo centro per regolare la curvatura; insieme, questi dispositivi formano il sistema di focalizzazione del telescopio (specchio secondario del telescopio ha sei attuatori per l'orientamento ma non la curvatura quello centrale).
Ogni specchio è stato installato con un coperchio di protezione, ma questi non sono stati fissati in posizione. Come il telescopio deve essere ruotato in modo che gli strumenti possono essere montati dietro lo specchio primario, i coperchi furono rimossi. La protezione, un ambiente a bassa polvere della stanza pulita Goddard impedirà che lo specchio venga danneggiato durante questa operazione. Una volta che gli strumenti sono collegati, JWST sarà inviato per la prova ambientale dove sarà scosso e fatto saltare con il suono per simulare il lancio; sarà poi al vuoto e chill-testato. Una volta che questi test sono stati completati, aerei e sistemi di comunicazione e ombrellone del telescopio verranno installati, e tutta l'assemblea spediti allo spazioporto ESA in Guinea Equatoriale per il lancio.
La missione di JWST è quello di osservare galassie molto distanti per indagare le condizioni del giovane universo. Saranno utilizzati strumenti dagli Stati Uniti, Canada ed Europa. L'ESA ha fornito due strumenti: il medio infrarosso strumento (MIRI), che rileverà la luce rossa spostata dalle fuggenti galassie, nuove stelle, comete e oggetti della fascia di Kuiper; e vicino infrarosso spectragraph, che sarà il primo strumento nello spazio in grado di osservare 100 oggetti contemporaneamente.
Da:
http://www.theengineer.co.uk/largest-ever-space-mirror-revealed-by-nasa/?cmpid=tenews_2241042

GENIO Italiano Giuseppe Cotellessa: Commento del Dott. Massimo Lucani su procedimento ...

GENIO Italiano Giuseppe Cotellessa: Commento del Dott. Massimo Lucani su procedimento ...: Commento del Dott. Massimo Lucani su procedimento brevetto ENEA RM2012A000637 / Dott. Massimo Lucani's comment about patent procedure EN...

Commento del Dott. Massimo Lucani su procedimento brevetto ENEA RM2012A000637 / Dott. Massimo Lucani's comment about patent procedure ENEA RM2012A000637 / Commentaires du Dr. Massimo Lucani de la procédure de brevet ENEA RM2012A000637 / Kommentare Dr. Massimo Lucani von Patentverfahren ENEA RM2012A000637 / Comenta el Dr. Massimo Lucani del procedimiento de patentes ENEA RM2012A000637/ Comenta o Dr. Massimo Lucani de processo de patente ENEA RM2012A000637 / Комментарии доктор Массимо Lucani патентной процедуры ЭНЕА RM2012A000637 / 评论马西莫卢西亚妮博士专利程序ENEA RM2012A000637的 / 博士マッシモ・ルチアーニは、特許手続きENEA RM2012A000637のコメント

Commento del Dott. Massimo Lucani su procedimento brevetto ENEA RM2012A000637 / Dott. Massimo Lucani's comment about patent procedure ENEA RM2012A000637Commentaires du Dr. Massimo Lucani de la procédure de brevet ENEA RM2012A000637Kommentare Dr. Massimo Lucani von Patentverfahren ENEA RM2012A000637 Comenta el Dr. Massimo Lucani del procedimiento de patentes ENEA RM2012A000637/ Comenta o Dr. Massimo Lucani de processo de patente ENEA RM2012A000637 / Комментарии доктор Массимо Lucani патентной процедуры ЭНЕА RM2012A000637 / 评论马西莫卢西亚妮博士专利程序ENEA RM2012A000637的 / 博士マッシモ・ルチアーニは、特許手続きENEA RM2012A000637のコメント






Il fatto di realizzare con il procedimento del brevetto ENEA RM2012A000637 del genio italiano Dott. Giuseppe Cotellessa una sintesi matematica degli eventi indipendentemente dagli osservatori e dal tempo appare come illuminante per il futuro dell'umanità.

The thing to realize with the patent process ENEA RM2012A000637 of the Italian genius Dott. Giuseppe Cotellessa a mathematical summary of the events independently of the observers and the time appears to be enlightening for the future of humanity.


La chose à réaliser avec le processus de brevet ENEA RM2012A000637 du génie italien Dott. Giuseppe Cotellessa un résumé mathématique des événements indépendamment des observateurs et le temps semble être instructif pour l'avenir de l'humanité.


Die Sache mit dem Patent-Prozess ENEA RM2012A000637 das italienische Genie Dott. Giuseppe Cotellessa eine mathematische Zusammenfassung der Ereignisse unabhängig von den Beobachter zu erkennen, und die Zeit scheint für die Zukunft der Menschheit aufschlussreich .

Lo que hay que realizar con el proceso de patente ENEA RM2012A000637 del genio italiano Dott. Giuseppe Cotellessa un resumen matemático de los eventos de manera independiente de los observadores y el tiempo parece ser esclarecedor para el futuro de la humanidad.

A coisa a realizar com o processo de patente ENEA RM2012A000637 o gênio italiano Dott. Giuseppe Cotellessa um resumo matemático dos eventos independentemente dos observadores eo tempo parece ser esclarecedora para o futuro da humanidade.


Дело в том, чтобы понять, с патентом процесса ЭНЕА RM2012A000637 итальянского гения Дотт. Джузеппе Cotellessa математическое изложение событий независимо от наблюдателей и время, как представляется, поучительным для будущего человечества.


事情与专利程序ENEA RM2012A000637独立于观察者的事件的数学概要实现了意大利天才多特。朱塞佩Cotellessa,时间似乎启发了人类的未来。

特許プロセスENEA RM2012A000637とイタリアの天才Dottを実現するもの。ジュゼッペCotellessa独立オブザーバーのイベントの数学的な要約と時間が人類の未来のために啓発されているようです。













martedì 26 aprile 2016

Highly Stretchable Elastomer May be Candidate for Artificial Muscles / Elastomero altamente elastico può essere candidato per la realizzazione di muscoli artificiali.

Highly Stretchable Elastomer May be Candidate for Artificial Muscles / Elastomero altamente elastico può essere candidato per la realizzazione di muscoli artificiali.


Segnalato dal Dott. Giusepe Cotellessa / Reported by Dr. Joseph Cotellessa

stretchy-muscle

Science magazine highlighted a study in Nature Chemistry with the headline “Artificial muscle can heal itself”. While the study describes an amazing elastomer, there are only minimal muscle applications.
Researchers from Stanford University developed a new silicone rubber elastomer, based on a poly(dimethylsiloxane) (PDMS)-derivative. The material can be stretched to 45 times its original length, a characteristic that the team attributed to the constant breaking and reforming of metal-ligand coordination bonds throughout stretching. The material can recover to its original length in one hour, with almost full recovery of its original stress-strain behaviour. The team cut the material in two, and then rejoined the ends. After 48 hours at room temperature, the material exhibited 90% healing efficiency. Furthermore, this healing ability was unaffected by surface ageing – that is, if the cut ends were left apart and exposed to air for 24 hours and then rejoined, the material saw no difference in healing efficiency compared to when the cut ends were immediately rejoined. This is in contrast with materials that rely on hydrogen bonding, where immediate re-contact is necessary for efficient healing. These characteristics are impressive, and appear to address two major issues of metal-ligand self-healing to heal strongly without an external stimulus.
Given the dieletric strength of the material, the team tested its reactivity to an externally-applied electric field. The material could be seen to deform when cycled between 0 and 11 kV. However, deformations were minimal and the team still needs to characterize the contractile force, which is also likely minimal. Furthermore, how the material would behave in vivo as an artificial muscle implant is unclear: is it toxic? does it behave similarly in biological fluids? how would it be powered? Outside the body, perhaps the material could be applied as an actuator for prosthetic devices.
Calling this material artificial muscle is a…stretch. Nevertheless, here the researchers have created a good approach to preparing highly stretchable materials. The applications for self-healing materials are numerous, including anti-corrosion coatings and anti-crack structures. While a typical limitation is the difficulty in automatically joining the cut ends after damage, we could foresee this material contracting under an electric field to pull its damaged ends together and heal.
ITALIANO 
I ricercatori della Stanford University hanno sviluppato un nuovo elastomero di gomma siliconica, sulla base di un polidimetilsilossano) (PDMS) -derivative. Il materiale può essere allungato 45 volte la sua lunghezza iniziale, una caratteristica che il gruppo ha attribuito alla rottura costante e reforming di legami di coordinazione metallo-legante. Il materiale può recuperare la sua lunghezza originale in un'ora, con quasi pieno recupero del suo comportamento originale sforzo-deformazione. Il gruppo ha deciso di tagliare il materiale in due, e poi di saldare le estremità. Dopo 48 ore a temperatura ambiente, il materiale esposto ha raggiunto il 90% dell'efficienza guarigione. Inoltre, questa capacità di guarigione è influenzato da invecchiamento della superficie - cioè, se le estremità tagliate sono state lasciate esposte all'aria per 24 ore e poi ricongiunti, il materiale non vedeva alcuna differenza in termini di efficienza di guarigione rispetto a quando le estremità tagliate sono stati immediatamente ricongiunti. Ciò è in contrasto con i materiali che si basano su legami idrogeno, dove è necessario l'immediato ripristino del contatto per la guarigione efficace. Queste caratteristiche sono impressionanti, e sembrano affrontare due grandi questioni di metallo-ligando e auto-guarigione per guarire senza uno stimolo esterno.
Data la forza dielettrica del materiale, il gruppo ha testato sua reattività ad un campo elettrico applicato esternamente. Il materiale potrebbe deformarsi quando espsoto tra 0 e 11 kV. Tuttavia, le deformazioni sono state minime e il deve ancora caratterizzare la forza contrattile, che è anche minima. Inoltre non è chiaro come il materiale si comporterebbe in vivo come un impianto muscolare artificiale: è tossica? si comporta in modo simile nei fluidi biologici? Come sarebbe alimentato? All'esterno del corpo, forse il materiale potrebbe essere applicato come un attuatore per dispositivi protesici.
 Tuttavia, qui i ricercatori hanno creato un buon approccio per la preparazione di materiali altamente estensibili. Le domande di materiali auto-guarigione sono numerosi, compresi i rivestimenti anti-corrosione e strutture anti-crepa. Mentre una limitazione tipica è la difficoltà a far risaldare automaticamente il taglio dopo un danno, si può prevedere l'esposizione di questo materiale in un campo elettrico per riparare le sue estremità danneggiate e guarire.

Da: 
http://www.medgadget.com/2016/04/self-healing-artificial-muscle.html





Novel Nanotower Electrodes for Deep Tissue Intracellular Recordings / Nuovi elettrodi a forma di nano torre per la registrazione all'interno intracellulare profondo.

Novel Nanotower Electrodes for Deep Tissue Intracellular Recordings / Nuovi elettrodi a forma di nano torre per la registrazione all'interno  intracellulare profondo.


Segnalato dal Dott. Giuseppe Cotellessa / Reported by Dr. Joseph Cotellessa



Electrophysiology is an invaluable technique for studying the electrical activity of neurons in the brain and has important clinical applications. The use of nanowire and nanotube intracellular electrode recording devices has improved the spatial resolution and sensitivity of electrophysiological techniques. However, intracellular recordings within thick tissues is limited by the length of the nanotube/nanowire electrode, which has insufficient stiffness at lengths greater than 10 µm. As a result, existing nanodevices cannot be used to record neuronal electrical activity within thick tissue slices ex vivo or within deep tissue structures in vivo.
To overcome this challenge, researchers at Toyohashi University of Technology in Japan have developed a long nanoscale-tipped micro-needle electrode.  The 120 µm-long “nanotower” electrode is sufficiently strong to penetrate thicker and deeper tissue structures, overcoming the limitations of conventional nanotube and nanowire electrodes.  The development of this device, described in an article published in Small, diversifies the scope of preclinical and clinical applications of nanoelectrodes in electrophysiology.
ITALIANO
L'elettrofisiologia è una tecnica preziosa per lo studio della attività elettrica dei neuroni nel cervello e ha importanti applicazioni cliniche. L'uso di dispositivi di registrazione elettrodo intracellulare nanofili e nanotubi ha migliorato la risoluzione spaziale e la sensibilità delle tecniche elettrofisiologiche. Tuttavia, le registrazioni intracellulari all'interno dei tessuti spessi è limitata dalla lunghezza dell'elettrodo nanotubo nanofili, che ha rigidità sufficiente a lunghezze superiori a 10 micron. Come risultato, i nanodispositivi esistenti non possono essere usati per registrare attività elettrica neuronale all'interno di tessuto spesso ex vivo o all'interno dei tessuti profondi strutturali in vivo.

Per superare questa sfida, i ricercatori della Toyohashi University of Technology in Giappone hanno sviluppato un lungo elettrodo  nanoscala a punta. L'elettrodo "nanotower" lungo 120 micron  è sufficientemente forte da penetrare nelle strutture dei tessuti più spessi e più profondi, superando i limiti di elettrodi di nanotubi e nanofili convenzionali. Lo sviluppo di questo dispositivo, descritto in un articolo pubblicato in Small, diversifica la portata delle applicazioni preclinici e clinici di nanoelettrodi in elettrofisiologia.
Da: 
http://www.medgadget.com/2016/04/novel-nanotower-electrodes-deep-tissue-intracellular-recordings.html