Archivio blog

giovedì 30 giugno 2016

GENIO Italiano Giuseppe Cotellessa: Tiny Injectable Camera System to Radically Miniatu...

GENIO Italiano Giuseppe Cotellessa: Tiny Injectable Camera System to Radically Miniatu...: Tiny Injectable Camera System to Radically Miniaturize Endoscopes / Piccolo sistema iniettabilecon  fotocamera per miniaturizzare radicalme...

Tiny Injectable Camera System to Radically Miniaturize Endoscopes / Piccolo sistema iniettabilecon fotocamera per miniaturizzare radicalmente gli endoscopi.

Tiny Injectable Camera System to Radically Miniaturize Endoscopes / Piccolo sistema iniettabilecon  fotocamera per miniaturizzare radicalmente gli endoscopi.




Segnalato dal Dott. Giuseppe Cotellessa 

Reported by Dr. Joseph Cotellessa
sensor
Regular arrangement of doublet lenses directly fabricated on a CMOS image sensor. Credit: Timo Gissibl
At the Univesity of Stuttgart in Germany, scientists have created a lens system small enough to be injected through a syringe. It can be attached to the distal end of a fiber optic cable, while at the proximal end a tiny CMOS sensor captures the images. The hope is that the technology will lead to flexible endoscopes that can be delivered into the body through tiny portholes to peek inside without causing too much damage.
 triplet lens
Colored SEM-image of a miniature triplet lens directly fabricated on an optical fiber. Credit: Timo Gissibl
The lenses are manufactured using 3D printing, with the initial design and simulation happening on the computer before the real things are produced. The focal point is only 3mm away from the lenses and having a width of only 100 micrometers will allow for imaging of difficult to reach and detailed anatomical structures.
The researchers published their study in journal Nature Photonics, in which they “demonstrate the complete process chain, from optical design, manufacturing by femtosecond two-photon direct laser writing and testing to the application of multi-lens objectives with sizes around 100 µm, and validate their high performance and functionality by quantitative measurements of the modulation transfer function and aberrations.”
camera-lenses
Image of a multi-lens system with a diameter of 600 µm surrounded by four doublet lenses with a diameter of 120 µm. Credit: Timo Gissibl
ITALIANO 
All' Univesità  di Stoccarda in Germania, gli scienziati hanno creato un sistema di lenti abbastanza piccolo per essere iniettato attraverso una siringa. Può essere attaccato all'estremità distale di un cavo in fibra ottica, mentre alla estremità prossimale un sensore CMOS minuscolo per la cattura le immagini. La speranza è che la tecnologia porterà a endoscopi flessibili che possono essere inseriti nel corpo attraverso piccole oblò per sbirciare dentro senza causare troppi danni. Le lenti sono realizzati con stampa 3D, con il progetto iniziale e la simulazione,  sul computer. Il punto focale è 3mm  dalle lenti ed avente una larghezza di soli 100 micrometri. Esso consentirà di raggiungere le strutture anatomiche dettagliate. I ricercatori hanno pubblicato il loro studio sulla rivista Nature Photonics, in cui "dimostrano la catena di processo completo, dalla progettazione ottica, alla produzione da femtosecondi con scrittura laser diretta a due fotoni e test per l'applicazione di obiettivi di più lenti con dimensioni di circa 100 micron, e convalidare le elevate prestazioni e funzionalità da misurazioni quantitative della funzione di trasferimento di modulazione e aberrazioni. "
Da:
http://www.medgadget.com/2016/06/tiny-injectable-camera-system-radically-miniaturize-endoscopes.html

GENIO Italiano Giuseppe Cotellessa: New Wireless Heart Pump Makes No Contact with Bloo...

GENIO Italiano Giuseppe Cotellessa: New Wireless Heart Pump Makes No Contact with Bloo...: New Wireless Heart Pump Makes No Contact with Blood / Nuova pompa senza fili per il cuore  non ha alcun contatto con il sangue. Segn...

New Wireless Heart Pump Makes No Contact with Blood / Nuova pompa senza fili per il cuore non ha alcun contatto con il sangue.


New Wireless Heart Pump Makes No Contact with Blood / Nuova pompa senza fili per il cuore  non ha alcun contatto con il sangue.



Segnalato dal Dott. Giuseppe Cotellessa /

Reported by Dr. Joseph Cotellessa

EPFL-pumpScientists at the École polytechnique fédérale de Lausanne (EPFL) in Switzerland have developed a completely new type of heart pump that does not make any contact with the blood that it’s augmenting. There’s a number of pumps on the market, including total heart replacements and left ventricular assist devices (LVAD), but they all inevitably cause damage to red blood cells. Moreover, the turbulence produced by the pumps can lead to the formation of clots, requiring patients to be on anticoagulants.
The new cardiac support pump consists of a set of rings that are positioned around the aorta that are able to contract and expand.  When their movement is coordinated, the rings are able to create pressure waves that help move the blood through the aorta. (In a way, the idea is reminiscent of externally placed intra-aortic balloon pump (IABP), even though IABP is a diastolic augmentation device primarily for coronary flow.)
The technology relies on EPFL’s Dielectric Electro Active polymer (DEAP) that rapidly changes shape in response to electrical current. The current is induced via a magnetic field that can be delivered using an external device, so no wires need to penetrate the skin and infections are less likely. There are more development steps needed before the technology will be tried on humans, but the researchers are already working with folks at University Hospital of Bern about conducting clinical trials.
Here’s a video with the scientists behind the pump explaining how it works and the benefits it’s expected to bring:

ITALIANO 
Gli scienziati del Politecnico federale di Losanna (EPFL) in Svizzera hanno sviluppato un nuovo tipo di pompa del cuore che non ha alcun contatto con il sangue che sta aumentando. C'è un numero di pompe sul mercato, tra cui quelle per sostituzioni totali di cuore  e ventricolare sinistra con ispositivi Assist (LVAD), ma tutti causano inevitabilmente danni ai globuli rossi. Inoltre, come la turbolenza prodotta dalle pompe può portare alla formazione di coaguli, i pazienti devono essere trattati con anticoagulanti.

La nuova pompa a supporto cardiaco consiste in una serie di anelli che sono posizionati intorno all'aorta e che sono in grado di contrarsi ed espandersi. Quando il loro movimento è coordinato, gli anelli sono in grado di creare onde di pressione che aiutano spostare il sangue attraverso l'aorta. (In un certo senso, l'idea è quella che ricorda il contropulsatore aortico posizionato esternamente (IABP), anche se IABP è un dispositivo di aumento diastolico in primo luogo per il flusso coronarico.)

La tecnologia si basa su un dielettrico Electro polimero Active EPFL (DEAP) che cambia rapidamente forma in risposta alla corrente elettrica. La corrente viene indotta mediante un campo magnetico che può essere trasportato con un dispositivo esterno, quindi senza cavi essi devono penetrare la pelle e quindi le infezioni sono meno probabili. Ci sono più fasi di sviluppo necessari prima che la tecnologia sia applicata sugli esseri umani, ma i ricercatori stanno già lavorando con gente all' University Hospital di Berna per la sperimentazione clinica.

Da:
http://www.medgadget.com/2016/06/new-wireless-heart-pump-makes-no-contact-blood.html

GENIO Italiano Giuseppe Cotellessa: Revivent TC for Minimally Invasive Reconstruction ...

GENIO Italiano Giuseppe Cotellessa: Revivent TC for Minimally Invasive Reconstruction ...: Revivent TC for Minimally Invasive Reconstruction of Left Ventricle Cleared in EU / Revivent TC per la ricostruzione del ventricolo sinistr...

Revivent TC for Minimally Invasive Reconstruction of Left Ventricle Cleared in EU / Revivent TC per la ricostruzione del ventricolo sinistro in modo minimamente invasivo.

Revivent TC for Minimally Invasive Reconstruction of Left Ventricle Cleared in EU / Revivent TC per la ricostruzione del ventricolo sinistro in modo minimamente invasivo.



Segnalato dal Dott. Giuseppe Cotellessa / 

 Reported by Dr. Joseph Cotellessa
Revivent-TC
BioVentrix, a company out of San Ramon, California, landed CE Mark approval in the EU for its Revivent TC system that allows for reconstruction of the left ventricule without an open heart surgery. The minimally invasive system can be an option over traditional open-chest surgical ventricular restoration, particularly for fragile patients who would not be good candidates for a more invasive procedure.
Heart attacks can kill significant amount of myocardial tissue within the left ventricle, weakening it, and increasing ventricular wall tension if dilation occurs (via LaPlace’s Law). Reducing the volume of the ventricle can allow it to be more efficient, but post-myocardial infarction patients can have a hard time making through open heart surgery.
The Revivent TC system involves the delivery of pairs of anchors that compress and clamp the left ventricle. This is done through a few ports outside the body via which the tools are delivered to meet up within the heart.
Here’s a company video explaining the Revivent TC procedure:

ITALIANO
BioVentrix, una società di San Ramon, in California, ha richiesto il marchio CE in Europa per il suo sistema Revivent TC che consente la ricostruzione del ventricolo sinistro senza un intervento a cuore aperto. Il sistema minimamente invasivo può essere un'opzione al posto del tradizionale  restauro ventricolare chirurgico a cuore aperto, in particolare per i pazienti fragili che non sarebbero buoni candidati per una procedura più invasiva.

Gli attacchi cardiaci possono uccidere una significativa quantità di tessuto miocardico all'interno del ventricolo sinistro, con indebolimento, e aumentando la tensione della parete ventricolare con dilatazione (tramite legge di Laplace). La riduzione del volume del ventricolo può permettere di essere più efficiente, ma i pazienti post-infartuati possono avere difficoltà a essere sottoposti  con la chirurgia a cuore aperto.

Il sistema Revivent TC comporta la fornitura di coppie di tasselli che comprimono e bloccano il ventricolo sinistro. Ciò viene fatto attraverso alcune porte fuori del corpo attraverso cui gli strumenti vengono inseriti per incontrarsi all'interno del cuore.

Da: 
http://www.medgadget.com/2016/06/revivent-tc-minimally-invasive-reconstruction-left-ventricle-cleared-eu.html

martedì 28 giugno 2016

GENIO Italiano Giuseppe Cotellessa: Organic-based polarisation detector promises fast ...

GENIO Italiano Giuseppe Cotellessa: Organic-based polarisation detector promises fast ...: Organic-based polarisation detector promises fast measurement with low error/   R ilevatore di  polarizzazione a base  organica prome...

Organic-based polarisation detector promises fast measurement with low error/ Rilevatore di polarizzazione a base organica promette misurazione veloce con basso errore.

Organic-based polarisation detector promises fast measurement with low error/  Rilevatore di

 polarizzazione a base

 organica promette 

misurazione veloce

 con basso errore.


Segnalato dal Dott. Giuseppe
 Cotellessa / Reported by Dr.
 Joseph Cotellessa
The arrangement of detector films and laser in the north Carolina team's prototype device.
The arrangement of detector films and laser in the North Carolina team’s prototype device. LP is a polarising film, while detector films OPV1 and 2 have films oriented by straining the PV film; OPV3 is unstrained.

They believe that devices based on their technology could be faster and more accurate than current polarisation measurement techniques, which use devices based on silicon technology.
Researchers at North Carolina State University have found a way to use light-sensitive conducting organic polymers to detect and measure the polarisation of light.
Polarisation is determined by the direction in which the electrical component of the electromagnetic field we perceive as light oscillates. Plane-polarised light – in which the field of a whole light-stream oscillates in the same direction – has many uses; because its polarisation affects how it bounces off objects, it can show up disturbed ground when searching or buried objects and can be used in atmospheric monitoring and medicine, for example.
The North Carolina team, led by Michael Kudenov, used a polymer known as P3HT:PCBM in their research; when this polymer is stretched, the backbones of the polymer chains all orient in one direction, and it absorbs polarised light whose oscillation is parallel to that direction and produces a photoelectric current.
Kudenov’s team, which explains its results in the journal Optical Express, made semi-transparent polymer films and placed them into a stack of materials with transparent gold film and indium tin oxide, stacked them together so that their alignment directions were all different.
This means that when a sample of light passes through the stack, each film absorbs the light in the sample that is polarised in the corresponding direction and produces a photocurrent proportional to the light absorbed.
The rest of the sample continues to the next layer and so on. Analysing the currents from each film using a specifically designed algorithm gives a measurement of how the original sample was polarised, even though the last film in the stack has unoriented polymer chains.
“Most types of polarised light, particularly in natural environments, have a large linear polarisation signature,” Kudenov said. “And three measurements are sufficient for us to calculate the state of linear polarisation in a light sample.”
Conventional polarisation detectors, based on photovoltaic silicon, have to sample light at different times, or at the same time but at multiple points, which can affect accuracy. The NC State team’s prototype device, tested using laser light of known polarisation, does it all in one measurement and produced errors as low as 1.2 per cent.
“It’s a good starting point, though not as good as the best polarisation detectors currently on the market,” Kudenov said. “However, we’re optimistic that we’ll be able to reduce the measurement error significantly as we improve the device’s design. We’re really just getting started.”
ITALIANO
Essi credono che i dispositivi in ​​base alla loro tecnologia potrebbero essere più veloci e più precisi delle tecniche di misurazione di polarizzazione attuale, che utilizzano dispositivi basati sulla tecnologia del silicio.

I ricercatori della North Carolina State University hanno trovato un modo per utilizzare polimeri organici che sono sensibili alla luce per rilevare e misurare la polarizzazione della luce.

La polarizzazione è determinata dalla direzione in cui la componente elettrica del campo elettromagnetico che percepiamo. La sua polarizzazione può essere utilizzata durante la ricerca di sepolti oggetti e può essere utilizzato per il monitoraggio e la medicina atmosferica, per esempio.

Il team di North Carolina, guidato da Michael Kudenov, utilizzano un polimero noto come P3HT: PCBM nella loro ricerca; quando questo polimero è allungato, le dorsali delle catene polimeriche sono tutte orientare in una direzione, e assorbe luce polarizzata la cui oscillazione è parallela a detta direzione e produce una corrente fotoelettrica.

Il gruppo di Kudenov, che spiega i suoi risultati sulla rivista Optical Express, ha preso pellicole polimeriche semi-trasparenti e le ha inserite in una pila di materiali con pellicola d'oro trasparente e ossido di indio e stagno, li ha accatastati insieme in modo che le loro direzioni di allineamento erano tutte diverse.

Ciò significa che quando un campione di luce passa attraverso la pila, ogni film che assorbe la luce nel campione  viene polarizzato nella direzione corrispondente e produce una fotocorrente proporzionale alla luce assorbita.

Analizzando le correnti da ciascuna pellicola ed utilizzando un algoritmo appositamente, si ha  una misura di quanto il campione originale era polarizzata, anche se l'ultimo film della pila è non orientato con catene polimeriche.

"La maggior parte dei tipi di luce polarizzata, in particolare in ambienti naturali, hanno una grande polarizzazione lineare", ha detto Kudenov. "E tre misurazioni sono sufficienti per calcolare lo stato di polarizzazione lineare in un campione di luce".

I rivelatori di polarizzazione convenzionali, basati sul silicio fotovoltaico, devono campionare luce in tempi diversi o allo stesso tempo, ma in più punti, che possono compromettere la precisione. 

"E 'un buon punto di partenza, anche se non così buono come i migliori rivelatori di polarizzazione attualmente sul mercato", ha detto Kudenov. "Tuttavia, siamo ottimisti che saremo in grado di ridurre l'errore di misura in modo significativo, come possiamo migliorare il design del dispositivo. Siamo davvero solo l'inizio. "

Da:
http://www.theengineer.co.uk/organic-based-polarisation-detector-promises-fast-measurement-with-low-error/?cmpid=tenews_2402169

lunedì 27 giugno 2016

GENIO Italiano Giuseppe Cotellessa: Tiny Device Hosts Brain Cell Networks for Neurosci...

GENIO Italiano Giuseppe Cotellessa: Tiny Device Hosts Brain Cell Networks for Neurosci...: Tiny Device Hosts Brain Cell Networks for Neuroscience Studies / Piccolo dispositivo gestisce le reti delle cellule del cervello per studi ...

Tiny Device Hosts Brain Cell Networks for Neuroscience Studies / Piccolo dispositivo gestisce le reti delle cellule del cervello per studi di neuroscienze.

Tiny Device Hosts Brain Cell Networks for Neuroscience Studies / Piccolo dispositivo gestisce le reti delle cellule del cervello per studi di neuroscienze.


Segnalato dal Dott. Giuseppe Cotellessa / Reported by Dr. Joseph Cotellessa

organ-on-chip

At the University of Twente in The Netherlands, a researcher named Bart Schurink has created a tiny device for fostering brain cell growth in a three-dimensional environment. It measures only two millimeters on a side and has hundreds of cavities for hosting individual neurons. The cavities are shaped like upside-down pyramids and are big enough for cells to have room to thrive and grow in every direction.
A bioreactor placed on top of the device promotes growth of the cells and the creation of an intercellular network between them. Thereafter, the growth of the cells and the electrical activity between them can closely monitored to study how the cells behave.
The so-called µSEA (micro sieve electrode array) already went through testing using rat brain cells, demonstrating the successful utilization of hundreds of cells.
cellular-network
ITALIANO

Presso l'Università di Twente nei Paesi Bassi, un ricercatore di nome Bart Schurink ha creato un piccolo dispositivo per promuovere la crescita delle cellule del cervello in un ambiente tridimensionale. Esso misura solo due millimetri su un lato e ha centinaia di cavità per ospitare singoli neuroni. Le cavità sono a forma di piramidi rovesciate e sono abbastanza grande per le cellule di avere spazio per prosperare e crescere in ogni direzione.

Un bioreattore posizionato sulla parte superiore del dispositivo favorisce la crescita delle cellule e la creazione di una rete intercellulare tra loro. Successivamente, la crescita delle cellule e l'attività elettrica tra essi può strettamente monitorati per studiare come le cellule si comportano.

Il cosiddetto μSEA (micro setaccio schiera di elettrodi) già passato attraverso test utilizzando cellule di cervello di ratto, dimostra l'utilizzo efficace di centinaia di cellule.

Da:
http://www.medgadget.com/2016/06/tiny-device-hosts-brain-cell-networks-neuroscience-studies.html


 

domenica 26 giugno 2016

GENIO Italiano Giuseppe Cotellessa: I DANNI DA "ABUSO DEGLI ANTIBIOTICI" SULLA SALUTE ...

GENIO Italiano Giuseppe Cotellessa: I DANNI DA "ABUSO DEGLI ANTIBIOTICI" SULLA SALUTE ...: I DANNI DA "ABUSO DEGLI ANTIBIOTICI" SULLA SALUTE DEI BAMBINI / DAMAGE BY "ABUSE OF ANTIBIOTICS" ABOUT CHILDREN'S ...

GENIO Italiano Giuseppe Cotellessa: GENIO Italiano Giuseppe Cotellessa: Scoperto (nei ...

GENIO Italiano Giuseppe Cotellessa: GENIO Italiano Giuseppe Cotellessa: Scoperto (nei ...: GENIO Italiano Giuseppe Cotellessa: Scoperto (nei bivalvi) un altro tumore trasmissibi... : Scoperto (nei bivalvi) un altro tumore trasmissi...

I DANNI DA "ABUSO DEGLI ANTIBIOTICI" SULLA SALUTE DEI BAMBINI / DAMAGE BY "ABUSE OF ANTIBIOTICS" ABOUT CHILDREN'S HEALTH.

I DANNI DA "ABUSO DEGLI ANTIBIOTICI" SULLA SALUTE DEI BAMBINI / DAMAGE BY "ABUSE OF ANTIBIOTICS" ABOUT CHILDREN'S HEALTH.

 

 SEGNALATO DAL DR. GIUSEPPE COTELLESSA (ENEA) / REPORTED BY DR. GIUSEPPE COTELLESSA (ENEA)



La terapia antibiotica sui bambini è di uso comune da molti anni. Si calcola per esempio che negli Stati Uniti, ogni bambino, all'età di due anni, abbia già subito, in media, tre trattamenti con questo tipo di farmaci. Il loro utilizzo è indicato quando si tratta di infezioni batteriche, ma in tutto il mondo i microbiologi segnalano un uso indiscriminato, che può avere conseguenze serie, anche sul lungo periodo, per i piccoli pazienti. Un primo effetto evidente, come dimostrano due nuovi studi pubblicati sulla rivista “Science Translational Medicine”, è che i bambini sottoposti ripetutamente a terapia antibiotica mostrano un'alterazione del microbiota, l'insieme dei microbi – per la maggior parte batteri, ma anche lieviti e virus - che albergano nel tubo digerente umano. Inoltre, l'esposizione ripetuta agli antibiotici induce i batteri intestinali ad attivare i geni che garantiscono una resistenza a quella classe di sostanze.
Rappresentazione artistica dei batteri intestinali (Credit: V. Altounian/Science Translatinal Medicine 2016)
Il microbiota umano, che in condizioni normali conta tra le 500 e le 1000 specie diverse di microrganismi, negli ultimi anni si è guadagnato  una grande attenzione da parte della ricerca biomedica. Sono molti infatti gli indizi della sua notevole influenza sulla salute. Alcuni studi per esempio hanno mostrato che l'alterazione dei batteri intestinali è correlata all'insorgenza di diverse patologie, quali le malattie infiammatorie dell'intestino, il diabete di tipo 2, l'obesità e i disturbi metabolici, il tumore del colon-retto, la cirrosi epatica e l'artrite reumatoide, per citarne solo alcune. In molti casi  tuttavia, si è trattato di studi longitudinali, cioè che hanno seguito campioni di popolazione per molti anni per verificare se l'alterazione o la disregolazione dei microbiota si possa far risalire a cattive condizioni di salute infantili quali la malnutrizione, il diabete di tipo 1 o l'asma. Solo di recente alcuni ricercatori hanno iniziato a studiare l'impatto di fattori esterni, come l'esposizione agli antibiotici, dimostrando, su piccoli campioni di soggetti adulti, che questi farmaci determinano una diminuzione della diversità microbica, e confermando così analoghi risultati ottenuti nei topi di laboratorio.
Un aspetto finora non chiarito era però l'influenza degli antibiotici sulla prima infanzia.
Nel primo studio, Nicholas Bokulich e colleghi della New York University hanno studiato lo sviluppo del micro bioma (Il microbioma è l'insieme del patrimonio genetico e delle interazioni ambientali della totalità dei microrganismi di un ambiente definito. Un ambiente definito potrebbe essere un intero organismo come un essere umano o parti di esso,per esempio l'intestino o la cute) in 43 bambini dalla nascita fino a due anni di età, raccogliendo campioni di feci e confrontandoli con analoghi campioni delle madri prima e dopo la nascita. Hanno così scoperto che la somministrazione di antibiotici, insieme al parto cesareo e all'allattamento con latte artificiale, può ritardare lo sviluppo del microbiota e ridurre la diversità batterica. Nel secondo studio, Moran Yassour del Broad Institute del MIT e della Harvard University a Cambridge, nel Massachusetts, e colleghi di una collaborazione tra istituti finlandesi e statunitensi, hanno analizzato i campioni fecali di 39 bambini per tre anni, concludendo anche in questo caso che il trattamento antibiotico,  insieme ad altri fattori, riduce la diversità e la stabilità microbica intestinale. Nei primi mesi di vita, in particolare, tutti i bambini nati con parto cesareo e il 20 per cento di quelli nati con parto naturale erano privi di batteroidi, particolari tipi di batteri che contribuiscono a regolare il sistema immunitario dell'intestino. Ma il dato più preoccupante - anche se transitorio - per la salute dei piccoli riguarda la resistenza agli antibiotici. Nei mesi successivi alla somministrazione dei farmaci, i batteri mostravano un incremento nell'espressione di geni che codificano per proteine legate al fenomeno della resistenza antibiotica. Un dato interessante,è che per ragioni ancora non comprese, questi geni sono espressi anche nei bambini di due mesi non esposti agli antibiotici.  
 
ENGLISH
 
 The antibiotic therapy on children is in common use for many years. It is estimated for example that in the United States, every child, at the age of two years, has already suffered, on average, three treatments with this type of medication. Their use is indicated when it comes to bacterial infections, but worldwide the microbiologists reported indiscriminate use, which can have serious consequences, even in the long term, for the young patients. A first obvious effect, as shown by two new studies published in the journal "Science Translational Medicine", is that the children repeatedly subjected to antibiotic therapy show an alteration of the microbiota, the set of microbes - for most bacteria, but also yeasts and viruses - harbored within the human digestive tract. Moreover, repeated exposure to antibiotics induces intestinal bacteria to activate genes that guarantee a resistance to that class of substances.
 The gut flora, which normally counts among 500 and 1,000 different species of microorganisms, in recent years it has gained a lot of attention on the part of biomedical research. In fact, many clues to its significant influence on health. Some studies, for example, have shown that disruption of intestinal bacteria is related to the development of various diseases, such as inflammatory bowel disease, type 2 diabetes, obesity and metabolic disorders, cancer of the colon and rectum, liver cirrhosis and rheumatoid arthritis, to name but a few. In many cases, however, it was of longitudinal studies, that is, who have followed samples of the population for many years to check whether the alteration or the dysregulation of the microbiota can be traced back to poor infant health conditions such as malnutrition, diabetes type 1 or asthma. Only recently, researchers have begun to study the impact of external factors, such as exposure to antibiotics, demonstrating, on small samples of adults, that these drugs cause a decrease in microbial diversity, and thus confirming similar findings in mice laboratory.

One aspect so far not clarified, however, was the influence of antibiotics on early childhood.

In the first study, Nicholas Bokulich and colleagues at New York University have studied the development of micro biome (The microbiome is the set of genetic and environmental interactions of all the microorganisms of a defined environment. A defined environment could be a whole organism as a human being or parts of it, for example the intestines or the skin) in 43 children from birth to two years of age, collecting fecal samples and comparing them with similar samples of mothers before and after birth. They found that the administration of antibiotics, along with cesarean delivery and breastfeeding with formula milk, may delay the development of the microbiota and reduce bacterial diversity. In the second study, Moran Yassour of the Broad Institute of MIT and Harvard University in Cambridge, Massachusetts, and colleagues of a collaboration between Finnish and US institutions, analyzed fecal samples from 39 children for three years, concluding again that antibiotic treatment, together with other factors, reduces the diversity and intestinal microbial stability. In the first months of life, in particular, all children born by Caesarean section and 20 percent of those born with normal birth were devoid of Bacteroides, particular types of bacteria that help regulate the immune system of the intestine. But the most worrying - even if transitional - to the health of small regards resistance to antibiotics. In the months after administration of the drugs, the bacteria showed an increase in the expression of genes that code for proteins related to the phenomenon of antibiotic resistance. An interesting fact is that for reasons not yet understood, these genes are also expressed in children of two months is not exposed to antibiotics.

Da:

venerdì 24 giugno 2016

GENIO Italiano Giuseppe Cotellessa: Scoperto (nei bivalvi) un altro tumore trasmissibi...

GENIO Italiano Giuseppe Cotellessa: Scoperto (nei bivalvi) un altro tumore trasmissibi...: Scoperto (nei bivalvi) un altro tumore trasmissibile /  Discovered ( in bivalve ) another transmissible cancer. Segnalato dal Dott. Giu...

Scoperto (nei bivalvi) un altro tumore trasmissibile / Discovered (in bivalve) another transmissible cancer.

Scoperto (nei bivalvi) un altro tumore trasmissibile / Discovered (in bivalve) another transmissible cancer.

Segnalato dal Dott. Giuseppe Cotellessa / Reported by Dr. Joseph Cotellessa


La trasmissione naturale di un cancro da un individuo all'altro è considerata un fenomeno rarissimo che interessa pochissime specie, fra cui il diavolo della Tasmania. Ma la scoperta che nei molluschi acquatici bivalvi, come vongole e cozze, è relativamente frequente e può addirittura passare da una specie all'altra, suggerisce che il fenomeno è stato sottovalutato.

Vari tipi di cancro direttamente trasmissibili da individuo a individuo – anche se appartenenti a specie o addirittura generi differenti - sono stati identificati da un gruppo di ricercatori della Columbia University e delle Università della British Columbia a Vancouver e di Alcalá, in Spagna, che ne riferiscono in un articolo pubblicato su "Nature".

Anche se questi nuovi tumori interessano solo alcuni molluschi acquatici – i bivalvi (vongole, cozze ecc.) - la scoperta è di grande interesse perché dimostra che la possibilità di trasmissione naturale diretta dei tumori è stata sottovalutata e che le cellule tumorali hanno una notevole capacità di adattarsi, sopravvivere e propagarsi.

Finora erano note solo quattro forme di tumore trasmissibile in modo naturale: due riguardano il diavolo della Tasmania, una il cane e una le vongole. Negli altri casi in cui si è osservata  la trasmissione di tumori in natura, era sempre mediata da un virus.

Stephen P. Goff e colleghi hanno però dimostrato che in quei tumori dei bivalvi non è implicato alcun virus: l'analisi e il confronto del DNA delle cellule tumorali e degli esemplari colpiti ha mostrato che in molti casi le cellule maligne non hanno alcuna somiglianza genetica con i loro ospiti, ma sono molto simili a quelle di altri esemplari della stessa specie.

In alcuni casi, è addirittura risultato che le cellule tumorali erano cloni di una cellula tumorale appartenente a un esemplare di una specie differente.

Dato questi invertebrati filtratori sono immobili, è verosimile che le cellule tumorali possano galleggiare nell'ambiente marino e introdursi nei loro ospiti attraverso il tratto digerente o quello respiratorio.

Più enigmatico è il
modo in cui le cellule tumorali abbandonano gli ospiti malati: potrebbe trattarsi di un processo passivo, legato a un trauma o a un atto di predazione, ma non si può escludere che le cellule tumorali migrino attivamente fuori dal corpo dell'ospite in un modo analogo a quello in cui si disseminano le metastasi.

La potenziale capacità delle cellule tumorali di trasformarsi  in agenti infettivi a vita libera solleva la questione delle implicazioni per la trasmissione del cancro negli esseri umani.

Anche se sono noti casi di trasmissione da persona a persona – e sopravvivenza nel nuovo ospite - di cellule tumorali in seguito a trapianto di organi, gravidanza, trattamenti sperimentali e incidenti chirurgici, si tratta di eventi molto rari e la propagazione del tumore non è mai andata al di là delle due persone direttamente interessate.

Tuttavia, di recente è stato osservato che le cellule neoplastiche di un tipico tumore della tenia possono diffondersi e proliferare in un essere umano gravemente immunocompromesso, una scoperta che suggerisce che la trasmissibilità dei tumori riscontrata da Goff e colleghi nei bivalvi sia la spia di un problema di portata più ampia.

ENGLISH

The natural transmission of a cancer from one individual is considered a very rare phenomenon that affects very few species, including the Tasmanian Devil. But the discovery that in aquatic bivalve molluscs, such as clams and mussels, is relatively common and may even change from one species to another, suggesting that the phenomenon has been underestimated.
Various cancers directly transmissible from person to person - even if they belong to species or even different kinds - they have been identified by a team of researchers at Columbia University and University of British Columbia in Vancouver and Alcalá, Spain, which report in an article published in "Nature".
Although these new tumors affect only some water mollusks - bivalves (clams, mussels etc.) - The discovery is of great interest because it shows that the ability to direct natural transmission of tumors has been underestimated and that cancer cells have a remarkable ability to adapt, survive and propagate.
So far only four were known forms of transmissible cancer naturally: two concern the Tasmanian devil, a dog and a clam. In other cases in which it is observed the transmission of tumors in nature, he was always mediated by a virus.
Stephen P. Goff and colleagues have shown, however, that in those tumors bivalve is no virus involved: analyzing and comparing the DNA of cancer cells and the specimens affected has shown that in many cases the malignant cells have no genetic similarity with their guests, but they are very similar to those of other specimens of the same species.
In some cases, even result is that the cancer cells of a cancer cell clones were belonging to a specimen of a different species.
Given these filter feeding invertebrates are immobile, it is likely that cancer cells can be floating in the marine environment and break into their guests through the digestive tract or the respiratory system.
It is the most enigmaticway in which cancer cells leave the sick guests: it may be a passive process, linked to a trauma or an act of predation, but it is not inconceivable that the cancer cells actively migrate out of the host's body in a similar way to one in which they disseminate metastases.
The potential ability of cancer cells to turn into free-living infectious agents raises the question of implications for the transmission of cancer in humans.
Although they are known cases of person-to-person transmission - and survival in the new host - of tumor cells following transplantation of organs, pregnancy, experimental treatments and surgical accidents, it is very rare events and the propagation of the tumor is never He went beyond the two people directly concerned.
However, recently it has been observed that cancer cells of a typical cancer tapeworm can spread and proliferate in a human being severely immunocompromised, a discovery that suggests that the transmissibility of the tumors detected by Goff and colleagues in bivalve is the indicator of a problem more far-reaching.




Da:http://www.lescienze.it/news/2016/06/24/news/tumori_trasmisibili_bivalvi_cozze_vongole-3137119/


Marco La Rosa - il sito di ricerca: DA PROCARIOTA AD...EUCARIOTA ... ESTREMOFILI E...P...

Marco La Rosa - il sito di ricerca: DA PROCARIOTA AD...EUCARIOTA ... ESTREMOFILI E...P...: SEGNALATO DAL DR. GIUSEPPE COTELLESSA (ENEA) Da: http://www.lescienze.it/news/2016/06/17/news/evoluzione_eucarioti_da_archea_batt...

giovedì 23 giugno 2016

GENIO Italiano Giuseppe Cotellessa: CRISPR: al via la prima sperimentazione su esseri...

GENIO Italiano Giuseppe Cotellessa: CRISPR: al via la prima sperimentazione su esseri...: CRISPR: al via la prima sperimentazione su  esseri umani / CRISPR: start of the first trial in  humans. Segnalato dal Dott. Giusepp...

CRISPR: al via la prima sperimentazione su esseri umani / CRISPR: start of the first trial in humans.

CRISPR: al via la prima sperimentazione su

 esseri umani / CRISPR: start of the first trial in

 humans.


Segnalato dal Dott. Giuseppe Cotellessa / Reported by Dr. Joseph Cotellessa







Una cellula di carcinoma a cellule squamose del cavo orale

 (in bianco) aggredita da due linfociti T (in rosso).(Cortesia

 National Cancer Institute \ Duncan Comprehensive Cancer 

Center at Baylor College of Medicine/Rita Elena Serda)



I National Institutes of Health degli Stati Uniti hanno dato il via libera al primo studio su esseri umani che userà la  tecnica di modificazione genetica CRISPR a scopi terapeutici, e in particolare nella terapia del cancro. Se tutto andrà bene, questo primo studio, destinato ad accertare la sicurezza della tecnica, sarà seguito da sperimentazioni sulla sua efficacia clinica


Il primo studio in cui verrà testato l'uso della tecnica di modificazione genetica CRISPR sugli esseri umani a fini terapeutici ha ricevuto il via libera dai National Institutes of Health degli Stati Uniti.

Lo  studio - progettato da ricercatori dell'Università della Pennsylvania - prevede il prelievo di linfociti T di un piccolo gruppo di pazienti affetti da melanoma, sarcoma o mieloma per modificarli in modo da potenziarne la capacità di aggredire le cellule tumorali, per poi reimmetterli nei donatori.

Più precisamente, usando CRISPR i ricercatori apporteranno tre modifiche al genoma dei linfociti. La prima consiste nell'inserimento di un gene che codifica per una proteina che permette al linfocita di riconoscere più facilmente le cellule tumorali, la seconda consiste nella rimozione o nel silenziamento del gene per proteina (normalmente presente nelle cellule T) che potrebbe interferire con questo processo, mentre la terza bloccherà la produzione di una proteina che permette alle cellule tumorali di riconoscere li linfociti T e disattivarli. I ricercatori torneranno a infondere le cellule modificate nei pazienti donatori. 
La sperimentazione approvata è uno studio pilota per testare la sicurezza di CRISPR nella terapia del cancro più che la sua efficacia terapeutica. Infatti, anche se CRISPR è un tecnica di modificazione del genoma molto più precisa, semplice ed efficiente delle altre, che permette anche di agire su più geni in una sola volta, esiste sempre il rischio che la 
procedura induca alterazioni non volute in punti del DNA sbagliati, con conseguenze poco prevedibili.

Gli studi di sicurezza sono un passaggio preliminare a quelli sull'efficacia terapeutica, passaggio contro il quale in passato si è già infranto un tentativo di terapia genica, progettato sempre da ricercatori l'Università della Pennsylvania: nel 1999 un paziente morì in seguito a una terapia genica sperimentale per una patologia ereditaria che provoca l'accumulo di ammoniaca nell'organismo. L'episodio provocò una battuta d'arresto di tutti i tentativi di terapia genica che durò oltre dieci anni, ma anche una revisione delle condizioni che devono essere soddisfatte dai progetti di ricerca per essere approvati.

Così, anche se l'approvazione da parte National Institutes of Health è una tappa molto importante, lo studio dovrà passare ancor il vaglio della Food and Drug Administration (FDA) e dei comitati etici degli ospedali che hanno in cura i pazienti che dovrebbero prendere parte alla sperimentazione.

Se tutto andrà bene, si passerà quindi agli studi sperimentali sull'efficacia clinica del metodo, dato che non è noto se nell'essere umano i linfociti trattati con CRISPR non verranno attaccati dal resto del sistema immunitario.

ENGLISH

The National Institutes of Health of the United States have given the green light to the first study in humans that will use the genetic modification technique CRISPR for therapeutic purposes, and in particular in cancer therapy. If all goes well, this first study, designed to assess the safety of the technique, will be followed by trials on its clinical efficacy

The first study will test the use of genetic modification technique CRISPR on humans for therapeutic purposes has received the green light from the National Institutes of Health of the United States.

The study - designed by researchers at the University of Pennsylvania - involves the removal of T lymphocytes from a small group of patients with melanoma, myeloma, sarcoma, or to modify them in order to enhance their ability to attack the cancer cells, and then enter it again in donor .

More precisely, using CRISPR researchers will make three changes to the lymphocyte genome. The first consists of the insertion of a gene coding for a protein that allows the lymphocyte to more easily recognize the cancer cells, the second consists in the removal or in the silencing of the gene for the protein (normally present in T cells) that may interfere with this process, while the third will block the production of a protein that allows cancer cells to recognize T lymphocytes and deactivate them. The researchers will return to infuse the cells modified in donor patients.
The approved trial is a pilot study to test the safety of CRISPR in cancer therapy more than its therapeutic efficacy. In fact, even if CRISPR is a technical modification of the genome much more precise, simple and efficient of the other, which also allows to act on many genes at one time, there is always the risk that the
procedure induces unwanted alterations in the wrong DNA points, with unpredictable consequences.

The safety studies are a preliminary step to those on the therapeutic effectiveness, step against which in the past has already broken an attempt to gene therapy, always designed by researchers at the University of Pennsylvania: in 1999 a patient died following a experimental gene therapy for an inherited disorder that causes the accumulation of ammonia in the body. The incident caused a halt of all attempts at gene therapy that lasted over ten years, but also a revision of the conditions that must be met by the research projects to be approved.

Thus, although the approval by the National Institutes of Health is a very important stage, the study will still pass the scrutiny of the Food and Drug Administration (FDA) and the ethics committees of the hospitals that are treating patients who should take part experimentation.

If all goes well, it will then go to experimental studies on the clinical efficacy of the method, since it is not known whether the human lymphocytes treated with CRISPR will not be attacked by the rest of the immune system.



Da: 
http://www.lescienze.it/news/2016/06/23/news/crispr_terapia_genica_cancro_sperimentazione_sicurezza-3137500/