Archivio blog

venerdì 30 dicembre 2016

GENIO Italiano Giuseppe Cotellessa: New Fluorescent Skin Dye to Replace Permanent Tatt...

GENIO Italiano Giuseppe Cotellessa: New Fluorescent Skin Dye to Replace Permanent Tatt...: New Fluorescent Skin Dye to Replace Permanent Tattoos for Skin Cancer Treatment / Nuovo colorante fluorescente per pelle sostituisce i tat...

New Fluorescent Skin Dye to Replace Permanent Tattoos for Skin Cancer Treatment / Nuovo colorante fluorescente per pelle sostituisce i tatuaggi permanenti per il trattamento del cancro alla pelle.


New Fluorescent Skin Dye to Replace Permanent Tattoos for Skin Cancer Treatment / Nuovo colorante fluorescente per pelle sostituisce i tatuaggi permanenti per il trattamento del cancro alla pelle.




Segnalato dal Dott. Giuseppe Cotellessa / Reported by Dr. Joseph Cotellessa




Skin cancers, excluding melanoma, are often tracked by placing small tattoos near lesions that have been selected for further treatment. While they do their job as intended, the tattoos remain on the skin long after they’re needed and sometimes the inks can cause inflammation. Moreover, these tattoos can be confused as being lesions themselves at a later time.
A team headed by researchers at University of California, Los Angeles has come up with a new ink that can be used to temporarily mark the spot, and that is only visible when a light of specific wavelength (465 nanometers) is shined over it. Additionally, the ink is eventually washed away by the body so that it doesn’t create confusion in the future.
The new dye consists of cross-linked fluorescent supramolecular nanoparticles with a fluorescent conjugated polymer center. They have been shown to have a retention time by the body of around three months, a period similar to the time it takes in some places to go from a biopsy to treatment.
So far the researchers tested the new dye in laboratory mice, demonstrating that it works for three months and disappears thereafter, while not causing any nearby inflammation.
ITALIANO
Tumori della pelle, escluso il melanoma, sono spesso monitorati mettendo piccoli tatuaggi vicino a lesioni che sono stati selezionati per un ulteriore trattamento. Mentre fanno il loro lavoro come previsto, i tatuaggi restano sulla pelle per molto tempo dopo se sono necessari e, talvolta, gli inchiostri possono causare l'infiammazione. Inoltre, questi tatuaggi possono essere confusi come le lesioni stesse in un secondo momento.

Un gruppo guidato da ricercatori della University of California, Los Angeles ha messo a punto un nuovo inchiostro che può essere utilizzato per marcare temporaneamente la posizione, e che è visibile solo quando una luce di lunghezza d'onda specifica (465 nanometri)  l'illimina. Inoltre, l'inchiostro viene poi lavato via dal corpo in modo che non crei confusione in futuro.

La nuova tintura è costituito da nanoparticelle fluorescenti supramolecolari reticolate con un fluorescente centro di polimero coniugato. Essi hanno dimostrato di avere un tempo di ritenzione del corpo di circa tre mesi, un periodo simile al tempo necessario in alcuni punti per passare da una biopsia al trattamento.
http://www.medgadget.com/2016/12/new-fluorescent-skin-dye-replace-permanent-tattoos-skin-cancer-treatment.html













giovedì 29 dicembre 2016

GENIO Italiano Giuseppe Cotellessa: Eterotassia: nuova terapia riduce rischi di infezi...

GENIO Italiano Giuseppe Cotellessa: Eterotassia: nuova terapia riduce rischi di infezi...: Eterotassia: nuova terapia riduce rischi di infezione in bambini senza milza / Heterotaxia: new therapy reduces risk of infection in childr...

Eterotassia: nuova terapia riduce rischi di infezione in bambini senza milza / Heterotaxia: new therapy reduces risk of infection in children without a spleen

Eterotassia: nuova terapia riduce rischi di infezione in bambini senza milza / Heterotaxia: new therapy reduces risk of infection in children without a spleen


Segnalato dal Dott. Giuseppe Cotellessa / Reported by Dr. Joseph Cotellessa


L’eterotassia è una malattia congenita rara che compromette gravemente il sistema cardiovascolare. Colpisce un bambino su 10-20.000 ed è caratterizzata dal posizionamento anomalo e dalla malformazione di vari organi vitali come cuore e fegato. In circa il 50% dei casi è associata a difetti della milza che può essere completamente assente, frammentata o parzialmente sviluppata e non funzionante. In questo caso le infezioni, soprattutto batteriche, sono una complicanza grave, molto frequente e potenzialmente letale.

Eterotassia: riduce le cellule B della memoria



Sono stati i ricercatori dell’area di Diagnostica e Immunologia del Bambino Gesù diretti dalla dott.ssa Rita Carsetti a dimostrare – intorno agli anni 2000 – per quale motivo i bambini senza milza sono più esposti alle infezioni: l’assenza di questo organo provoca la drastica riduzione delle cellule che difendono l’organismo dall’aggressione dei patogeni (cellule B della memoria). Chi è privo di milza, “habitat” naturale di queste cellule, è in grado di produrle, ma non di mantenerle in vita a lungo, risultando più vulnerabile all’attacco dei batteri.
Proprio in funzione di questi fatti, nel 2010 il team di medici dell’Unità operativa di Cardiologia e Aritmologia del Bambino Gesù guidato dalla dott.ssa Anwar Baban, ha introdotto nella pratica clinica un protocollo di cura per i bambini affetti da eterotassia senza milza (ad alto rischio).

Eterotassia: la prevenzione possibile



Questi pazienti fin dalla nascita vengono sottoposti a un programma di sorveglianza immunologica e vaccinale associato a terapia antibiotica. I dati dimostrano che questa strategia previene le infezioni batteriche gravi riducendo la frequenza dei ricoveri (-30%) e la mortalità. Negli ultimi 7 anni, da quando è stato introdotto il nuovo protocollo, nessuno dei pazienti seguiti al Bambino Gesù è deceduto per infezione.
I risultati di 7 anni di applicazione del protocollo sono stati pubblicati sulla rivista scientifica Journal of Allergy and Clinical Immunology (JACI). Questo studio pone le basi per l’elaborazione di linee guida internazionali che garantiscano una migliore assistenza e qualità di vita per i piccoli pazienti.
ENGLISH
The heterotaxia is a rare congenital disorder that seriously impairs the cardiovascular system. It affects one child in 10-20,000 and is characterized by abnormal positioning and malformation of various vital organs like heart and liver. In about 50% of cases it is associated with defects of the spleen that can be completely absent, fragmented or partially developed and not functioning. In this case infections, especially bacterial, they are a serious complication, very frequent and potentially lethal.
Heterotaxia: reduces B cell memory
Were the researchers of the Diagnostic and Immunology of the Child Jesus headed by Dr. Rita Carsetti to show - around the years 2000 - why the children without spleen are more exposed to infection: the absence of this organ causes drastic reduction of the cells that defend the body from the aggression of pathogens (memory B cells). Those without a spleen, "natural habitat" of these cells, is able to produce them, but not to keep them alive long, and are more vulnerable to the attack of bacteria.
Just on the basis of these facts, in 2010 the doctors Unit operational team of Cardiology and Arrhythmology of the Child Jesus led by Dr. Anwar Baban, introduced in clinical practice a protocol of care for children with heterotaxia no spleen 
( high risk).
Heterotaxia: the possible prevention
These patients from birth undergo an immunological surveillance and immunization program associated with antibiotic therapy. The data demonstrates that this strategy prevents serious bacterial infections by reducing the frequency of hospitalizations (-30%) and mortality. Over the past seven years, since it was introduced the new protocol, none of the patients referred to the Child Jesus died of infection.
The results of seven years of application of the Protocol have been published in the Journal of Allergy and Clinical Immunology (JACI). This study lays the groundwork for the elaboration of international guidelines to ensure better care and quality of life for young patients.
Da:
http://www.salutepiu.info/eterotassia-infezione-milza/

GENIO Italiano Giuseppe Cotellessa: AI-Powered Breath Detector Diagnoses 17 Different ...

GENIO Italiano Giuseppe Cotellessa: AI-Powered Breath Detector Diagnoses 17 Different ...: AI-Powered Breath Detector Diagnoses 17 Different Diseases / Rivelatore  del respiro per diagnosi di 17 malattie diverse. Segnalato d...

AI-Powered Breath Detector Diagnoses 17 Different Diseases / Rivelatore del respiro per diagnosi di 17 malattie diverse.

AI-Powered Breath Detector Diagnoses 17 Different Diseases / Rivelatore  del respiro per diagnosi di 17 malattie diverse.



Segnalato dal Dott. Giuseppe Cotellessa / Reported by Dr. Joseph Cotellessa
breath-test-smartphone
Our breath contains a slew of information about our health in the form of molecules whose existence and concentration can serve as biomarkers for disease. Typically breath sensors focus on a single biomarker and therefore are limited in their scope and screening ability. A worldwide scientific collaboration headed by a team from Technion−Israel Institute of Technology has developed a breath sensor capable of detecting many different molecules and correlated these biomarkers to 17 different diseases.nanoarray
The device consists of an array of specially prepared gold nanoparticle sensors and ones based on a random network of single-walled carbon nanotubes. While it is impressive on its own, what gave it special powers was to use it to collect breath samples from thousands of patients with different diseases and to use artificial intelligence software to find correlations in the data. Thanks to the AI component of this research, the average diagnostic accuracy of the system was demonstrated at 86% for 17 different diseases, including such disparate conditions as a number of cancers, Crohn’s disease, two types of Parkinson’s, preeclampsia, and pulmonary hypertension.
Here’s video from Technion with more on the technology:

ITALIANO
Il nostro respiro contiene una grande quantità di informazioni sulla nostra salute in forma di molecole la cui esistenza e concentrazione può servire come biomarcatori per la malattia. Tipicamente i sensori del respiro si concentrano su un singolo biomarker e quindi sono limitati nella loro portata e capacità di screening. Una collaborazione scientifica a livello mondiale guidato da un gruppo di Technion-Israel Institute of Technology ha sviluppato un sensore del respiro in grado di rilevare molte molecole diverse e correlare questi marcatori a 17 diverse malattie.
Il dispositivo è costituito da una matrice di sensori con nanoparticelle di oro appositamente preparate e quelli basati su una rete casuale di nanotubi di carbonio a parete singola. Mentre è impressionante di per sé, ciò che ha meravigliato nel dispositivo era di usarlo per raccogliere campioni di aria espirata da migliaia di pazienti affetti da diverse malattie e di utilizzare software di intelligenza artificiale per trovare correlazioni nei dati. Grazie alla componente AI di questa ricerca, l'accuratezza diagnostica media del sistema è stata dimostrata al 86% per 17 diverse malattie, compreso tali condizioni varie come un certo numero di tumori, morbo di Crohn, due tipi di Parkinson, preeclampsia e ipertensione polmonare.
Da:
http://www.medgadget.com/2016/12/ai-powered-breath-detector-diagnoses-17-different-disease.html

domenica 25 dicembre 2016

GENIO Italiano Giuseppe Cotellessa: Nanofili di platino per auto a idrogeno più econom...

GENIO Italiano Giuseppe Cotellessa: Nanofili di platino per auto a idrogeno più econom...: Nanofili di platino per auto a idrogeno più economiche / Nanowires of platinum  cheaper to car hydrogen Segnalato dal Dott. Giuseppe Co...

Nanofili di platino per auto a idrogeno più economiche / Nanowires of platinum cheaper to car hydrogen

Nanofili di platino per auto a idrogeno più economiche / Nanowires of platinum  cheaper to car hydrogen


Segnalato dal Dott. Giuseppe Cotellessa / Reported by Dr. Joseph Cotellessa


platino



Plasmare il platino in forma di nanofili con superfici irregolari dentellate può ridurre di 50 volte la quantità di questo metallo prezioso impiegata nei catalizzatori delle celle a combustibile a idrogeno, rendendo più semplice ed economica l’applicazione di questa tecnologia per gli autoveicoli. È quanto scoperto da un gruppo di ricerca internazionale, costituito da: Istituto di chimica dei composti organometallici del Consiglio nazionale delle ricerche di Pisa (Iccom-Cnr), University of California di Los Angeles (Usa), California Insitute of Technology (Usa), Tsinghua University (Cina), Accademia delle scienze Cinese (Cina), California State University (Usa), Northeastern University (Usa) e Lawrence Berkley National Laboratory (Usa). I risultati del lavoro sono pubblicati sulla rivista Science.
“Il metodo mostra come, plasmando il platino in forma di fili di dimensioni nanometriche con struttura irregolare dentellata, si creano nuovi tipi di siti catalitici altamente attivi, che riducono le barriere di energia che devono essere superate nelle reazioni elettrochimiche di riduzione dell’ossigeno, accelerandole e aumentando così l’efficienza catalitica”, afferma Alessandro Fortunelli dell’Iccom-Cnr di Pisa, coautore dello studio. “Questo, assieme alla dimensione nanometrica dei fili, che presentano più atomi di platino in superficie anziché all’interno della struttura, fa sì che la quantità di questo metallo prezioso e raro, necessaria per realizzare una cella a idrogeno, si riduca di 50 volte rispetto ai catalizzatori attuali. In questo modo si abbattono molto i costi e in linea di principio, vista l’abbondanza naturale di platino, diventa più fattibile la diffusione a livello globale di celle a idrogeno”.
Le celle a idrogeno sono dispositivi in cui si realizza la reazione controllata di idrogeno e ossigeno per produrre elettricità, generando solo acqua pura come sottoprodotto. “Si tratta di una delle tecnologie più attraenti per risolvere il problema del trasporto su autoveicoli, evitando l’uso dei combustibili di origine fossile come la benzina e quindi l’emissione nell’atmosfera di prodotti della combustione quali anidride carbonica, responsabili di inquinamento e riscaldamento globale”, prosegue il ricercatore dell’Iccom-Cnr. “Le celle a idrogeno per funzionare hanno bisogno di catalizzatori, cioè di sostanze che accelerano le reazioni elettrochimiche, così da produrre l’energia necessaria con potenza sufficiente”.
Al momento i catalizzatori a base di platino sono gli unici che raggiungono efficienze vicine a quelle richieste, ma la quantità di metallo utilizzato è talmente elevata da renderne troppo costosa la diffusione. “Inoltre, usando la tecnologia attualmente disponibile, il platino, pur abbondante in natura, non è sufficiente a consentire la realizzazione delle marmitte catalitiche a idrogeno che sarebbero necessarie. Le principali industrie automobilistiche investono circa duecento milioni di euro all’anno in ricerca per sviluppare veicoli di questo tipo, e uno dei pochi problemi chiave da risolvere è appunto lo sviluppo di catalizzatori più efficienti. In tale contesto, il nostro lavoro è un esempio di come ricerche a livello fondamentale, che come risultato immediato consentono una comprensione microscopica dei processi, permettano poi rilevanti progressi nel campo delle nanotecnologie, con effetti benefici per l’ambiente e la società in generale”, conclude Fortunelli.
ENGLISH
Shaping the platinum in the form of nanowires with serrated uneven surfaces may reduce by 50 times the amount of this precious metal used in the catalysts of the hydrogen fuel cells, making it more simple and economic application of this technology for motor vehicles. It is the findings from an international research team, made up of: Institute of Chemistry of organometallic compounds of the National Research Council of Pisa (Iccom-CNR), University of California, Los Angeles (USA), California Institute of Technology (USA), Tsinghua University (China), Chinese Academy of sciences (China), California State University (USA), Northeastern University (USA) and Lawrence Berkeley National Laboratory (USA). The results of this work are published in the journal Science.
"The method shows how, by shaping the platinum in the form of wires of nanometric dimensions with irregular serrated structure, creating new types of highly active catalytic sites, that reduce the energy barriers that must be overcome in the electrochemical reactions of oxygen reduction, accelerating them and thus increasing the catalytic efficiency ", says Alessandro Fortunelli ICCOM-CNR in Pisa, co-author of the study. "This, together with the nanometric size of the wires, which have more of platinum atoms on the surface rather than within the structure, means that the quantity of this precious and rare metal, required to achieve a hydrogen cell, is reduced by 50 times than current catalysts. In this way it falls very costs and in principle, having regard to the natural abundance of platinum, becomes more feasible the global spread of hydrogen fuel cells. "
The hydrogen fuel cells are devices in which one realizes the controlled reaction of hydrogen and oxygen to produce electricity, generating only pure water as a byproduct. "It is one of the most attractive technologies to solve the problem of transport of motor vehicles, avoiding the use of fossil fuels such as gasoline and thus the emission in the atmosphere of combustion products such as carbon dioxide, responsible for pollution and global warming ", says the researcher ICCOM-Cnr. "The hydrogen fuel cells to operate require catalysts, ie of substances that accelerate the electrochemical reactions, so as to produce the required energy with enough power".
At present catalysts based on platinum are the only ones that reach efficiencies close to those required, but the amount of metal used is so high as to make the spread too expensive. "Furthermore, using currently available technology, the platinum, though abundant in nature, is not sufficient to enable the realization of catalytic converters to hydrogen that would be required. The major automotive companies invest about two hundred million Euros per year in research to develop vehicles of this type, and one of the few key problems to be solved is precisely the development of more efficient catalysts. In this context, our work is an example of how a fundamental level research, which as a direct result allow a microscopic understanding of the processes, then allow significant advances in nanotechnology, with beneficial effects for the environment and society in general " he concludes Fortunelli.

Da:
http://www.galileonet.it/2016/12/nanofili-platino-auto-idrogeno/?utm_campaign=Newsatme&utm_content=Nanofili%2Bdi%2Bplatino%2Bper%2Bauto%2Ba%2Bidrogeno%2Bpi%C3%B9%2Beconomiche&utm_medium=news%40me&utm_source=mail%2Balert

GENIO Italiano Giuseppe Cotellessa: Scientists Built Blood-Brain Barrier On-a-Chip to ...

GENIO Italiano Giuseppe Cotellessa: Scientists Built Blood-Brain Barrier On-a-Chip to ...: Scientists Built Blood-Brain Barrier On-a-Chip to Help Develop Neuro Drugs, Understand Brain Diseases / Gli scienziati sono riusciti a co...

Scientists Built Blood-Brain Barrier On-a-Chip to Help Develop Neuro Drugs, Understand Brain Diseases / Gli scienziati sono riusciti a costruire una barriera sanguigna artificiale del cervello su un chip elettronico per aiutare a sviluppare farmaci neurologici, e per meglio comprendere le malattie cerebrali.


Scientists Built Blood-Brain Barrier On-a-Chip to Help Develop Neuro Drugs, Understand Brain Diseases / Gli scienziati sono riusciti a costruire una barriera sanguigna artificiale del cervello su un chip elettronico per aiutare a sviluppare farmaci neurologici, e per meglio comprendere le malattie cerebrali.



Segnalato dal Dott. Giuseppe Cotellessa / Reported by Dr. Joseph Cotellessa


blood-brain-barrier
At Vanderbilt University researchers have developed a mimic of the blood-brain barrier in the form of a microfluidic device. To show a proof-of-concept of this “organ-on-chip” technology, the team studied how inflammation affects the blood-brain barrier continuously for an extended period of time, while previous approaches have only provided discrete snapshots of the process.
The device is called NeuroVascular Unit (NVU) on a chip and it consists of a tiny space separated by a porous membrane. On top of the membrane is the “brain” side and the bottom is the “blood” side. Each of the sides has input and output tubes driven by micropumps that can sample the insides and deliver nutrients, drugs, pathogens, and anything else involved in an experiment.
To actually create a true blood-brain barrier, human endothelial cells are introduced on the “blood” side after flipping the device. Then fluid is pumped through the chamber with the cells. Interestingly, the cells begin aligning parallel with the direction of flow, creating an even layer of organized cells that resemble the structure of the blood-brain barrier. After two days of this, the cells are aligned and attached to the membrane separating the chambers. The device is flipped and astrocytes, pericytes, and excitatory neurons, which are also present in the barrier, are then added to the “brain” side of the device. The newly added cells slowly move through the membrane separating the chambers, interacting and sticking to the endothelial cells on the other side, resulting in perhaps the closest laboratory copy of the blood-brain barrier.
Here’s a Vanderbilt video discussing the new device:
ITALIANO


All'università di Vanderbilt i ricercatori hanno sviluppato una simulazione del comportamento della barriera ematoencefalica in forma di un dispositivo microfluidico. Per mostrare una prova di concetto di questa tecnologia "organo-on-chip", il gruppo ha studiato come l'infiammazione colpisce la barriera emato-encefalica continuamente per un periodo prolungato di tempo, mentre gli approcci precedenti hanno fornito solo istantanee discrete del processo.

Il dispositivo si chiama neurovascolari Unit (NVU) su un chip e consiste di un piccolo spazio separato da una membrana porosa. Sulla parte superiore della membrana è il lato del "cervello" e nella parte inferiore c'è il lato "sangue". Ognuna delle parti ha tubi di ingresso e di uscita guidati da micropompe che possono accedere agli interni e fornire sostanze nutritive, farmaci, agenti patogeni, e quant'altro coinvolti in un esperimento.
Per creare in realtà una vera e propria barriera emato-encefalica, le cellule endoteliali umane vengono introdotte sul lato "sangue" dopo aver avviato il dispositivo. Poi il fluido viene pompato attraverso la camera con le cellule. È interessante notare che le cellule iniziano un allineamento parallelo alla direzione del flusso, creando uno strato uniforme di cellule organizzate che ricordano la struttura della barriera emato-encefalica. Dopo due giorni di questo esperimento, le cellule vengono allineate e fissate alla membrana che separa le camere. Il dispositivo viene capovolto e gli astrociti, i periciti, e i neuroni eccitatori, presenti nella barriera anche, vengono quindi aggiunti al lato "cervello" del dispositivo. Le cellule appena vengono aggiunte si muovono lentamente attraverso la membrana di separazione delle camere, interagendo ed attaccandosi alle cellule endoteliali sull'altro lato, con conseguente forse realizzazione di un dispositivo più simile  alla barriera emato-encefalica.



Da:

http://www.medgadget.com/2016/12/scientists-built-blood-brain-barrier-chip-help-develop-neuro-drugs-understand-brain-diseases.html

venerdì 23 dicembre 2016

GENIO Italiano Giuseppe Cotellessa: Scientists Have Opened the Door to Biological Pace...

GENIO Italiano Giuseppe Cotellessa: Scientists Have Opened the Door to Biological Pace...: Scientists Have Opened the Door to Biological Pacemaker Therapy /  Gli scienziati hanno aperto la porta alla terapia coun un pacemaker biol...

Scientists Have Opened the Door to Biological Pacemaker Therapy / Gli scienziati hanno aperto la porta alla terapia con un pacemaker biologico.


Scientists Have Opened the Door to Biological Pacemaker Therapy / Gli scienziati hanno aperto la porta alla terapia con un pacemaker biologico.



Segnalato dal Dott. Giuseppe Cotellessa / Reported

by Dr. Joseph Cotellessa

cardiac-pacing-cells












Throughout life each heart beat is regulated primarily by a specialized tissue called the sinoatrial node. Unfortunately, this natural pacemaker’s ability to maintain the heart rate properly can be disrupted by a number of issues including congenital defects, aging, or ischemic heart disease. Recent work produced by researchers in Dr. Gordon Keller’s lab at the University of Toronto may lead to new therapies based on natural pacemaker cells grown in the lab. These human pacemaker-like cells had the ability to generate electricity spontaneously and were able to pace a  rat heart after being implanted for 2 weeks.
To create this specialized cell type, they took a developmental biology approach by changing the cell culture conditions with the same small molecules and proteins that developing pacemaker cells encounter in the embryo. After careful tuning, the human stem cells were transformed into an enriched population of the desired human pacemaker cells. This is exciting because other sources of progenitor cells have been genetically-engineered to overexpress a potent cancer gene. The final cells derived in this work are a closer match to “real” pacemaker cells and are safer for clinical use.
After verifying that the cells displayed proper bioelectric behaviors in the Petri dish, the researcher took the project one step further by injecting the cells directly into a rat heart. Implanted pacemaker cells were shown to not only connect with the host cells by sharing hollow proteins that allow ions to flow in and out between the cells to pass electric signals, but the human pacemaker cells were able to pace the rat’s own ventricular cells.
Electronic pacemakers, although they have been unquestionably an essential life-sustaining device for thousands of patients, suffer from a number of drawbacks including: the inability to adapt/grow to changes in the heart (particularity important for pediatric patients), potential risk of infection after implantation, limited battery life, and even failure due to electromagnetic interference.
This work presents the exciting possibility that one day patients in need of pacemaker treatment could receive an injection of lab-grown pacemaker cells that could serve as a life-long cure, avoiding the need to implant an electronic pacemaker. Next steps will likely involve testing in the sinoatrial node of rodents and eventually moving to large animal models such as the pig.
Here’s video of in-vitro demonstration of the stem cell-derived pacemaker heart cells:
ITALIANO


Per tutta la vita ogni battito del cuore è regolato principalmente da un tessuto specializzato chiamato nodo senoatriale. Purtroppo, la capacità di questo pacemaker naturale per mantenere la frequenza cardiaca correttamente può essere interrotta da una serie di questioni, tra cui difetti congeniti, invecchiamento, o cardiopatia ischemica. Un recente lavoro realizzato dai ricercatori nel laboratorio del Dr. Gordon Keller presso l'Università di Toronto può portare a nuove terapie basate su cellule pacemaker naturali coltivate in laboratorio. Queste cellule come pacemakere umani hanno la capacità di generare elettricità spontaneamente e sono state in grado di regolare il battito di un cuore di ratto dopo essere stato impiantato per 2 settimane.

Per creare questo tipo di cellula specializzata, hanno adottato un approccio di biologia dello sviluppo, modificando le condizioni di coltura delle cellule con le stesse piccole molecole e proteine ​​che le cellule  pacemaker in via di sviluppo  incontrano nell'embrione. Dopo un'attenta messa a punto, le cellule staminali umane sono state trasformate in una popolazione arricchita delle cellule pacemaker umane desiderate. Questo è emozionante perché le altre fonti di cellule progenitrici sono state geneticamente modificate per iperespressione di un gene del cancro potente. Le cellule derivate finali in questo lavoro hanno un funzionamento più simile a cellule pacemaker "reali" e sono più sicure per l'uso clinico.

Dopo aver verificato che le cellule analizzate hanno comportamenti corretti bioelettrici nella scatola di Petri, il ricercatore ha effettuato un ulteriore passo avanti iniettando le cellule direttamente in un cuore di ratto. Le cellule pacemaker impiantate sono state capaci di connettersi non solo con le cellule ospiti condividendo le proteine ​​cave che permettono agli ioni di fluire dentro e tra le cellule per trasmettere segnali elettrici, ma le cellule pacemaker umane erano in grado di camminare sulle cellule ventricolari del ratto.

I pacemaker elettronici, sebbene siano stati indubbiamente un dispositivo di sostegno vitale essenziale per migliaia di pazienti, soffrono di una serie di inconvenienti tra cui: l'incapacità di adattarsi / crescere per cambiamenti nel cuore (particolarità importante per i pazienti pediatrici), potenziale rischio di infezione dopo l'impianto, la durata della batteria limitata, e anche il fallimento a causa di interferenze elettromagnetiche.

Questo lavoro presenta la possibilità emozionante che i pazienti un giorno che necessitano di cure pacemaker potrebbero ricevere una iniezione di cellule pacemaker  coltivate in laboratorio che potrebbero servire come cura per tutta la vita, evitando la necessità di impiantare un pacemaker elettronico. I prossimi passi probabilmente coinvolgeranno i test nel nodo seno-atriale dei roditori e, infine, lo spostamento della sperimentazione nei grandi modelli animali, come il maiale.

Da:

http://www.medgadget.com/2016/12/scientists-opened-door-biological-pacemaker-therapy.html

giovedì 22 dicembre 2016

GENIO Italiano Giuseppe Cotellessa: Utilità del procedimento del brevetto ENEA RM2012A...

GENIO Italiano Giuseppe Cotellessa: Utilità del procedimento del brevetto ENEA RM2012A...: Utilità del procedimento del brevetto ENEA RM2012A000637 nel mondo della ricerca applicata per l'unificazione del tempo e dello spazio f...

Utilità del procedimento del brevetto ENEA RM2012A000637 nel mondo della ricerca applicata per l'unificazione del tempo e dello spazio fisici / Usefulness of the patent process ENEA RM2012A000637 in research applied to the unification of time and physical space / Utilité du processus de brevet ENEA RM2012A000637 dans la recherche appliquée à l'unification du temps et de l'espace physique / Usefulness des Patentprozesses ENEA RM2012A000637 in der angewandten Forschung zur Vereinigung von Zeit und physischen Raum / Utilidad del proceso de patente ENEA RM2012A000637 en la investigación aplicada a la unificación del tiempo y el espacio físico / Utilidade do processo de patente ENEA RM2012A000637 em pesquisa aplicada à unificação de tempo e de espaço físico / Полезность патентного процесса ЭНЕА RM2012A000637 в исследованиях применительно к унификации времени и физического пространства / 专利程序ENEA RM2012A000637研究的有用适用于时间和物理空间的统一 / 研究における特許プロセスENEA RM2012A000637の有用性は、時間と物理的空間の統一に適用しました

Utilità del procedimento del brevetto ENEA RM2012A000637 nel mondo della ricerca applicata per l'unificazione del tempo e dello spazio fisici / Usefulness of the patent process ENEA RM2012A000637 in research applied to the unification of time and physical space / Utilité du processus de brevet ENEA RM2012A000637 dans la recherche appliquée à l'unification du temps et de l'espace physique / Usefulness des Patentprozesses ENEA RM2012A000637 in der angewandten Forschung zur Vereinigung von Zeit und physischen Raum / Utilidad del proceso de patente ENEA RM2012A000637 en la investigación aplicada a la unificación del tiempo y el espacio físico / Utilidade do processo de patente ENEA RM2012A000637 em pesquisa aplicada à unificação de tempo e de espaço físico / Полезность патентного процесса ЭНЕА RM2012A000637 в исследованиях применительно к унификации времени и физического пространства / 专利程序ENEA RM2012A000637研究的有用适用于时间和物理空间的统一 / 研究における特許プロセスENEA RM2012A000637の有用性は、時間と物理的空間の統一に適用しました


Dott. Giuseppe Cotellessa





ITALIANO

Nel mondo microscopico sono presenti solo onde che variano sempre continuamente o in modo discreto nel dominio dello spazio e del tempo.

Nel mondo macroscopico sono presenti oltre alle onde anche corpi con massa. Nel mondo macroscopico lo spazio può quindi essere immobile ma il tempo mai.

Nel mondo del procedimento del brevetto ENEA RM2012A000637 sia lo spazio che il tempo possono raggiungere la condizione di immobilità ed essere unificati, riportando le informazioni relative alle variazioni del tempo e dello spazio in un unico grafico tridimensionale rappresentato solo nello spazio.

ENGLISH

In the microscopic world there are only waves always vary continuously or discretely in the domain of space and time.

In the macroscopic world are over the waves also bodies with mass. In the macroscopic world space can then be immobile but ever time.

In the world of the patent process ENEA RM2012A000637 both space and time can reach the condition of immobility and be unified and report information on changes in the time and space in a single three-dimensional graph represented only in space.

FRANÇAIS

Dans le monde microscopique il n'y a que des vagues toujours varier de façon continue ou discrète dans le domaine de l'espace et le temps.

Dans le monde macroscopique sont sur les vagues aussi corps avec la masse. Dans l'espace du monde macroscopique peut alors être temps immobile mais jamais.

Dans le monde du processus de brevet ENEA RM2012A000637 à la fois l'espace et le temps peuvent atteindre l'état d'immobilité et être unifié et communiquer des informations sur les changements dans le temps et l'espace dans un seul graphique tridimensionnel représenté seulement dans l'espace.

DEUTSCH

In der mikroskopischen Welt gibt es nur Wellen variieren immer kontinuierlich oder diskret in der Domäne von Raum und Zeit.

In der makroskopischen Welt sind über die Wellen auch Körper mit Masse. In dem Raum makroskopischen Welt kann dann unbeweglich, aber immer Zeit sein.

In der Welt des Patentprozesses ENEA RM2012A000637 sowohl Raum und Zeit kann den Zustand der Unbeweglichkeit erreichen und einheitliche und in einem einzigen dreidimensionalen Graphen Informationen über Änderungen in der Zeit und Raum nur im Raum dargestellt berichten werden.


ESPAÑOLA

En el mundo microscópico sólo hay olas siempre varían de forma continua o discreta en el dominio del espacio y el tiempo.

En el mundo macroscópico se encuentran sobre las olas también cuerpos con masa. En el espacio mundo macroscópico a continuación, puede llevar mucho tiempo, pero nunca inmóvil.

En el mundo del proceso de patente ENEA RM2012A000637 tanto espacio y el tiempo pueden llegar a la condición de inmovilidad y ser unificado y reportar información sobre los cambios en el tiempo y el espacio en un solo gráfico tridimensional representado sólo en el espacio.

PORTUGUÉS

En el mundo microscópico sólo hay olas siempre varían de forma continua o discreta en el dominio del espacio y el tiempo.

En el mundo macroscópico se encuentran sobre las olas también cuerpos con masa. En el espacio mundo macroscópico a continuación, puede llevar mucho tiempo, pero nunca inmóvil.

En el mundo del proceso de patente ENEA RM2012A000637 tanto espacio y el tiempo pueden llegar a la condición de inmovilidad y ser unificado y reportar información sobre los cambios en el tiempo y el espacio en un solo gráfico tridimensional representado sólo en el espacio.

РУССО

В микроскопическом мире существуют только волны всегда непрерывно или дискретно изменяются в области пространства и времени.

В макроскопическом мире над волнами также тел с массой. В макроскопическом мировом пространстве может затем быть неподвижен, но когда-нибудь время.

В мире патентного процесса ЭНЕА RM2012A000637 как пространство и время может достичь состояния неподвижности и быть единой и сообщать информацию об изменениях в пространстве и времени в одном трехмерном графике представлен только в пространстве.

中文

在微观世界上只有海浪总是在时间和空间域连续或不连续变化。

在宏观世界是在波也是与群众的身体。那么在宏观世界空间可以是不动的,但以往的时间。

在该专利方法ENEA RM2012A000637的世界空间和时间可达到不动的情况和统一,并在仅在空间中表示的单一的三维图形报告在时间和空间变化的信息。

JAPANESE

ミクロの世界では常に空間と時間のドメインで連続的または離散的に変化させるだけの波があります。

巨視的な世界でも電波を介して質量を持つ体です。巨視的なワールド空間で、その後不動が、今まで時間がかかることがあります。

特許プロセスENEA RM2012A000637の世界では、両方の空間と時間は不動の状態に到達することができますし、統一することとスペースだけで表現単一の3次元グラフで時間と空間の変化に関する情報を報告します。






mercoledì 21 dicembre 2016

GENIO Italiano Giuseppe Cotellessa: Electronic Skin and Hair Mimic How We Feel Things ...

GENIO Italiano Giuseppe Cotellessa: Electronic Skin and Hair Mimic How We Feel Things ...: Electronic Skin and Hair Mimic How We Feel Things and Environment Around Us / La pelle elettronica e i capelli Mimic per sentire le cose ...

Electronic Skin and Hair Mimic How We Feel Things and Environment Around Us / La pelle elettronica e i capelli Mimic per sentire le cose e l'ambiente che ci circondano.



Electronic Skin and Hair Mimic How We Feel Things and Environment Around Us / La pelle elettronica e i capelli Mimic per sentire le cose e l'ambiente che ci circondano.




Segnalato dal Dott. Giuseppe Cotellessa / Reported

 by Dr. Joseph Cotellessa

hair-sensor





sensor-skin
Researchers at the Harbin Institute of Technology have developed an extremely sensitive tactile sensor that mimics how our hair and skin work together to feel touch, the movement of air, and different textures of objects we come in contact with. The technology may one day be integrated into prosthetic devices that will allow amputees to regain a sense of touch.

The technology relies on combining flexible and stretchable electronic skin with cobalt microwires. The microwires are coated in glass and the tips are placed within artificial silicon-rubber skin. The combination device allows it to feel anything from a slight breeze or a fly landing on it, to weights up to 10 lbs (~5kg) being placed on top. Additionally, the same sensor is able to distinguish lateral slip and friction forces, a particularly useful feature that would be beneficial for robotic fingers holding onto tools and utensils.
Here’s a video from the American Chemical Society discussing the new sensing system:
Study in ACS Applied Materials & InterfacesBiomimic Hairy Skin Tactile Sensor Based on Ferromagnetic Microwires…
ITALIANO
I ricercatori del Harbin Institute of Technology hanno sviluppato un sensore tattile estremamente sensibile che imita come i nostri capelli e la pelle insieme a sentono il tatto, il movimento dell'aria, e diverse trame di oggetti con cui entriamo in contatto. La tecnologia potrebbe un giorno essere integrata in dispositivi protesici che permetteranno agli amputati di recuperare un senso del tatto.
La tecnologia si basa sulla combinazione di pelle elettronica flessibile ed estensibile con microfili di cobalto. I microfili sono rivestiti in vetro e le punte sono collocate all'interno della pelle in silicone di gomma artificiale. Il dispositivo combinato permette di sentire qualsiasi cosa, da una leggera brezza o l'atterraggio di un volo su di esso, per pesi fino a 10 libbre (~ 5kg) . Inoltre, lo stesso sensore è in grado di distinguere lo slittamento e l'attrito di forze laterali, una caratteristica particolarmente utile che sarebbe vantaggiosa per le dita robotiche  su attrezzi e utensili.
Da.
http://www.medgadget.com/2016/12/electronic-skin-hair-mimic-feel-things-environment-around-us.html

martedì 20 dicembre 2016

GENIO Italiano Giuseppe Cotellessa: Verso un vaccino contro l'aterosclerosi / Toward a...

GENIO Italiano Giuseppe Cotellessa: Verso un vaccino contro l'aterosclerosi / Toward a...: Verso un vaccino contro l'aterosclerosi /  Toward a vaccine against atherosclerosis Segnalato dal Dott. Giuseppe Cotellessa / Rep...

Verso un vaccino contro l'aterosclerosi / Toward a vaccine against atherosclerosis

Verso un vaccino contro l'aterosclerosi / Toward a vaccine against atherosclerosis



Segnalato dal Dott. Giuseppe Cotellessa / Reported by Dr. Joseph Cotellessa


Mira a bloccare il recettore che consente alle cellule T di riconoscere e reagire, come è stato appena scoperto, alle normali particelle di LDL, prima della loro ossidazione.

I linfociti T del sistema immunitario possono attaccare il colesterolo "cattivo", quello LDL, e scatenare una risposta infiammatoria che porta all'aterosclerosi. Il riconoscimento di questo meccanismo ha permesso - come viene illustrato in un articolo pubblicato sul Journal of Experimental Medicine - ai ricercatori del Karolinska Institutet di Stoccolma di mettere a punto un vaccino contro il recettore linfocitario che permette il riconoscimento dell'LDL che ha dimostrato di inibire lo sviluppo dell'aterosclerosi negli animali di laboratorio su cui è stato testato. 

Finora si riteneva che l'infiammazione dei vasi arteriosi si scatenasse quando le cellule T reagiscono alle particelle di LDL ossidato situate nella placca aterosclerotica. I ricercatori del Karolinska Institutet hanno però scoperto qualcosa di diverso, e cioè che le cellule T sono in grado di reagire a componenti delle normali particelle di LDL, e che non lo riconoscono più come tale una volta che è ossidato. 

"Poiché la reazione al colesterolo LDL può essere dannosa, le cellule T sono normalmente tenute bloccate da segnali inibitori", dice Göran K Hansson, che ha diretto lo studio. "I meccanismi di controllo dell'organismo funzionano bene finché l'LDL si trova nel sangue, nel fegato o nei linfonodi. Ma quando si accumula nelle pareti delle arterie questa inibizione non è più sufficiente, le cellule T vengono attivate e si arriva all'infiammazione." 

La vaccinazione contro il recettore che i linfociti T utilizzano per riconoscere il colesterolo LDL è stata testata con successo su animali di laboratorio dimostrando di poter bloccare la reazione immunitaria e ridurre del 60-70 per cento la malattia. Ora i ricercatori stanno cercando di metterne a 
punto una versione che possa essere di aiuto per chi è a elevato rischio di infarto del miocardio e ictus.

Secondo i ricercatori i loro risultati spiegano perché nei grandi studi clinici gli antiossidanti appaiono inefficaci contro le patologie cardiovascolari. "Se si assumono antiossidanti, si previene semplicemente l'ossidazione dell'LDL. Ma resta la sua capacità di attivare le cellule T; pertanto l'infiammazione vascolare può comunque aumentare. Di fatto si possono ottenere risultati opposti a quelli sperati", ha osservato Hansson. 

ENGLISH

It aims to block the receptor that allows T cells to recognize and react, as has just been discovered, to normal LDL particles, prior to their oxidation.

The T cells of the immune system can attack the "bad" cholesterol, LDL cholesterol, and trigger an inflammatory response that leads to atherosclerosis. The recognition of this mechanism allowed - as illustrated in an article published in the Journal of Experimental Medicine - researchers at the Karolinska Institutet in Stockholm to develop a vaccine against the lymphocyte receptor that allows the LDL recognition that has been shown to inhibit the development of atherosclerosis in laboratory animals on which it was tested.

Until now it was believed that inflammation of the arteries was unleashed when the T cells react to oxidised LDL particles located in the atherosclerotic plaque. The researchers of the Karolinska Institutet have discovered, however, something different, and that is that the T cells are able to react to components of normal LDL particles, and which do not recognize it as such once it is oxidized.

"As the reaction to LDL cholesterol can be harmful, the T cells are normally kept locked by inhibitory signals," says Göran K Hansson, who led the study. "The body's control mechanisms work well until the LDL is in the blood, liver or lymph nodes. But when it accumulates in the walls of the arteries this inhibition is no longer enough, the T cells are activated and you get all ' inflammation."

Vaccination against the receptor that the T cells use to recognize LDL cholesterol has been successfully tested on laboratory animals demonstrating that it can block the immune reaction and reduce the disease by 60-70 percent. Now researchers are trying to put in
point a version that can be helpful for those who are at high risk of myocardial infarction and stroke.

The researchers say their findings explain why in large clinical trials antioxidants appear ineffective against cardiovascular diseases. "If you take antioxidants, one simply prevents LDL oxidation. But it remains its ability to activate T cells, and therefore vascular inflammation may still increase. In fact, you can get different results from what you expected," he noted Hansson.


Da:

http://www.lescienze.it/news/2010/05/10/news/verso_un_vaccino_contro_l_aterosclerosi-556067/


GENIO Italiano Giuseppe Cotellessa: Graphene used to identify cancerous cells / Il gra...

GENIO Italiano Giuseppe Cotellessa: Graphene used to identify cancerous cells / Il gra...: Graphene used to identify cancerous cells / Il grafene usato per identificare le cellule cancerose. Segnalato dal Dott.  Giusepp...

GENIO Italiano Giuseppe Cotellessa: Thin-film technology to eliminate risk of lithium ...

GENIO Italiano Giuseppe Cotellessa: Thin-film technology to eliminate risk of lithium ...: Thin-film technology to eliminate risk of lithium battery fire / La tecnologia a film sottile per eliminare il rischio di incendio della...

Graphene used to identify cancerous cells / Il grafene usato per identificare le cellule cancerose.

Graphene used to identify cancerous cells / Il grafene usato per identificare le cellule cancerose.



Segnalato dal Dott.

 Giuseppe Cotellessa 

/ Reported by Dr. Joseph 

Cotellessa

(Credit: UIC/Vikas Berry)
(Credit: UIC/Vikas Berry)
Scientists at Chicago’s University of Illinois have discovered what they claim is the first method of detecting cancer using graphene.  
By interfacing brain cells onto graphene, the researchers were able to differentiate a single hyperactive cancerous cell from a normal cell. It’s believed the discovery could pave the way for a relatively straightforward, noninvasive diagnostic tool for detecting the disease.
Graphene’s single layer of carbon atoms share a cloud of electrons that move freely around its surface, making it extremely sensitive to changes. Compared to healthy cells, the hyperactivity of cancerous cells leads to a higher negative charge on the graphene’s surface, resulting in the release of more protons, and a change in the atomic vibration energy in graphene’s crystal lattice structure. This change is mapped using Raman spectography with a resolution of 300 nanometres.
“This graphene system is able to detect the level of activity of an interfaced cell,” said Vikas Berry, associate professor and head of chemical engineering at UIC, who led the research.
“The cell’s interface with graphene rearranges the charge distribution in graphene, which modifies the energy of atomic vibration as detected by Raman spectroscopy.”
The study, published in the journal ACS Applied Materials & Interfaces, looked at cultured human brain cells, comparing normal astrocytes to their cancerous counterparts, the highly malignant brain tumour glioblastoma multiforme. The method is now being used in a mouse model of cancer, and Berry says the results so far are “very promising”. Experiments with patient biopsies are planned for the future.
“Once a patient has brain tumour surgery, we could use this technique to see if the tumour relapses,” Berry said. “For this, we would need a cell sample we could interface with graphene and look to see if cancer cells are still present.”
According to the researchers, the technique could also have applications for other diseases.  
“We may be able to use it with bacteria to quickly see if the strain is Gram-positive or Gram-negative,” said Berry. “We may be able to use it to detect sickle cells.”
ITALIANO
Gli scienziati della University of Illinois di Chicago hanno scoperto ciò che a loro parere è il primo metodo per rilevare il cancro utilizzando il grafene.
Con l'interfacciamento delle cellule cerebrali sul grafene, i ricercatori sono stati in grado di differenziare una singola cellula cancerosa iperattiva da una cellula normale. Si ritiene che la scoperta potrebbe aprire la strada ad uno strumento diagnostico relativamente semplice, non invasivo per individuare la malattia.
Il singolo strato di grafene di atomi di carbonio condivide una nube di elettroni che si muovono liberamente intorno alla sua superficie, rendendolo estremamente sensibile alle variazioni. Rispetto alle cellule sane, l'iperattività delle cellule cancerose porta ad una maggiore attività  negativa sulla superficie del grafene, con conseguente rilascio di più protoni, e a un cambiamento nella energia di vibrazione atomica nella struttura del reticolo cristallino di grafene. Questo cambiamento è mappato utilizzando la spettroscopia Raman con una risoluzione di 300 nanometri.
"Questo sistema di grafene è in grado di rilevare il livello di attività di una cellula interfacciata", ha detto Vikas Berry, professore associato e capo di ingegneria chimica presso UIC, che ha guidato la ricerca.
"L'interfaccia cellulare con grafene riorganizza la distribuzione di carica nel grafene, che modifica l'energia della vibrazione atomica, come rilevato dalla spettroscopia Raman".
Lo studio, pubblicato sulla rivista ACS Materials & Interfaces applicata, ha esaminato le cellule cerebrali umane in coltura, confrontando gli astrociti normali alle loro controparti cancerose, altamente maligne del tumore cerebrale glioblastoma multiforme. Il metodo viene ora utilizzato in un modello murino di cancro, e Berry dice che i risultati ottenuti finora sono "molto promettenti". Esperimenti con biopsie dei pazienti sono previste per il futuro.
"Una volta che un paziente ha subito un itervento di chirurgia al tumore al cervello, si potrebbe utilizzare questa tecnica per vedere se sono presenti le recidive del tumore", ha detto Berry. "Per questo, avremmo bisogno di un campione di cellule che potremmo interfacciare con grafene e guardare per vedere se le cellule tumorali sono ancora presenti."
Secondo i ricercatori, la tecnica potrebbe anche avere applicazioni per altre malattie.
"Potremmo essere in grado di usarlo con i batteri per vedere rapidamente se il ceppo è Gram-positivi o Gram-negativi", ha detto Berry. "Potremmo essere in grado di usarlo per rilevare le cellule falciformi."
Da:
https://www.theengineer.co.uk/graphene-used-to-identify-cancerous-cells/?cmpid=tenews_2922992