Archivio blog

giovedì 12 gennaio 2017

Artificial Stem Cells Promote Tissue Healing Minus Side Effects / Cellule staminali artificiali per promuovere la guarigione dei tessuti con meno effetti collaterali.

Artificial Stem Cells Promote Tissue Healing Minus Side Effects / Cellule staminali artificiali per promuovere la guarigione dei tessuti con meno effetti collaterali.


Segnalato dal Dott. Giuseppe Cotellessa / Reported by Dr. Joseph Cotellessa
synthetic-stem-cells
A collaboration between researchers at North Carolina State University, the University of North Carolina at Chapel Hill, and First Affiliated Hospital of Zhengzhou University have apparently created a synthetic mimic of cardiac stem cells. These may end up being used instead of natural stem cells while reducing or eliminating side effects that may arise from stem cell therapy.
The artificial cell consists of PLGA, a commonly used biocompatible polymer, mixed with growth factor proteins obtained from human cardiac stem cells grown in a typical fashion. Holding this all together is a cardiac stem cell membrane. The structure can withstand conditions that extremely fragile stem cells would succumb to and can be translated to other types of stem cells, potentially making these artificial cells more practical in clinical applications.
Since the particle doesn’t contain any genetic material, nor other important aspects of a cell, it cannot replicate and cause side effects such as cancer. In lab tests, though, the cell mimicking particle promoted cardiac muscle cells to grow and proliferate. In mice with induced myocardial infarcts, the particle had a similar healing effect on cardiac tissue to that of natural cardiac stem cells.
“The synthetic cells operate much the same way a deactivated vaccine works,” said Ke Cheng, associate professor of molecular biomedical sciences at NC State, associate professor in the joint biomedical engineering program at NC State and UNC, and adjunct associate professor at the UNC Eshelman School of Pharmacy. “Their membranes allow them to bypass the immune response, bind to cardiac tissue, release the growth factors and generate repair, but they cannot amplify by themselves. So you get the benefits of stem cell therapy without risks.”
ITALIANO
Una collaborazione tra i ricercatori della North Carolina State University, la University of North Carolina a Chapel Hill, e Primo Ospedale Affiliato di Zhengzhou University hanno apparentemente creato una imitazione sintetica di cellule staminali cardiache. Queste possono finire per essere utilizzato al posto delle cellule staminali naturali, riducendo o eliminando gli effetti collaterali che possono derivare dalla terapia con cellule staminali.

La cellula artificiale è costituita da PLGA, un polimero biocompatibile comunemente usato, mescolato con le proteine ​​del fattore di crescita ottenuto da cellule staminali cardiache umane coltivate in un modo tipico. A tenere tutto questo insieme è una membrana di cellule staminali cardiache. La struttura può resistere a condizioni che le cellule staminali estremamente fragili che dovrebbero soccombere possano essere convertite in altri tipi di cellule staminali, potenzialmente rendendo queste cellule artificiali più pratiche in applicazioni cliniche.

Poiché la particella non contiene alcun materiale genetico, né altri aspetti importanti di una cellula, essa non può replicare e causare effetti collaterali come il cancro. Nei test di laboratorio, però, l'imitazione della particella cellulare viene promossa da cellule del muscolo cardiaco a crescere e proliferare. In topi con infarto del miocardio indotto, la particella ha avuto un effetto curativo simile sul tessuto cardiaco come quello delle cellule staminali cardiache naturali.

"Le cellule sintetiche funzionano più o meno allo stesso modo in cui un  vaccino viene disattivato", ha detto Ke Cheng, professore associato di scienze biomediche molecolari alla condizione di NC, professore associato presso il programma congiunto di ingegneria biomedica presso NC State e UNC, e professore associato presso l'UNC Eshelman Facoltà di Farmacia. "Le loro membrane permettono loro di bypassare la risposta immunitaria, si legano al tessuto cardiaco, rilasciano fattori di crescita e generano riparazione, ma non si possono amplificare da sole. In modo da ottenere i benefici della terapia con cellule staminali, senza rischi. "

Da:
http://www.medgadget.com/2017/01/artificial-stem-cells-promote-tissue-healing-minus-side-effects.html