Archivio blog

mercoledì 14 giugno 2017

Energy generating biotech shown to kill pathogens / La biotecnologia generatrice di energia mostra di uccidere i patogeni.


Energy generating biotech shown to kill pathogens La biotecnologia generatrice di energia mostra di uccidere i patogeni.



Technology that generates electricity through the process of cleaning organic waste has been found to kill pathogens too.

In 2011 a team of researchers at the University of the West of England (UWE Bristol) announced the viability of urine as a fuel for microbial fuel cells (MFCs). The same process, in which wastewater flows through a series of cells filled with electroactive microbes, can now be used to destroy Salmonella.
According to UWE Bristol, the MFC technology could one day be used in the developing world in areas lacking sanitation and installed in homes in the developed world to help clean waste before it flows into the municipal sewerage network, reducing the burden on water companies to treat effluent.
Lead researcher Prof Ioannis Ieropoulos said it was necessary to establish the technology could tackle pathogens in order for it to be considered for use in the developing world.
The findings of the research have been published in PLOS ONE. Prof Ieropoulos, director of the Bristol BioEnergy Centre, based in the Bristol Robotics Laboratory at UWE Bristol, said it was the first time globally it had been reported that pathogens could be destroyed using this method.
“We were really excited with the results – it shows we have a stable biological system in which we can treat waste, generate electricity and stop harmful organisms making it through to the sewerage network,” he said in a statement.
It had already been established that the MFC technology created by Dr Ieropoulos’ team could successfully clean organic waste, including urine, to the extent that it could be safely released into the environment. Through the same process, enough electricity is generated to charge a mobile phone.
In the system, being developed with funding from the Bill & Melinda Gates Foundation, the organic content of the urine is consumed by microbes inside the fuel cells, breaking it down and creating energy.
For the pathogen experiment, Salmonella enteritidis was added to urine flowing through the system, then checked at the end of the process to identify if bacteria numbers had been reduced. Results are said to have revealed that pathogen numbers had dropped significantly, beyond minimum requirements used by the sanitation sector.
Other pathogens, including viruses, are now being tested and there are plans for experiments which will establish if the MFC system can eliminate pathogens entirely.
John Greenman, Emeritus Professor of Microbiology, said: “The wonderful outcome in this study was that tests showed a reduction in the number of pathogens beyond the minimum expectations in the sanitation world.
“We have reduced the number of pathogenic organisms significantly but we haven’t shown we can bring them down to zero – we will continue the work to test if we can completely eliminate them.”
Prof Ieropoulos said his system could be beneficial to the wastewater industry because MFC systems fitted in homes could result in wastewater being cleaner when it reaches the sewerage system.
“Water companies are under pressure to improve treatment and produce cleaner and cleaner water at the end of the process,” he said. “This means costs are rising, energy consumption levels are high and powerful chemicals are being used.”

ITALIANO

La tecnologia che genera energia elettrica attraverso il processo di pulizia dei rifiuti organici è stata trovata che uccide anche i patogeni.

Nel 2011 un gruppo di ricercatori dell'Università dell'ovest dell'Inghilterra (UWE Bristol) ha annunciato la utilità dell'urina come combustibile per le cellule a combustibile microbiche (MFCs). Lo stesso processo, in cui l'acqua di scarico scorre attraverso una serie di cellule riempite di microbi elettroattivi, può ora essere utilizzato per distruggere la Salmonella.
Secondo UWE Bristol, la tecnologia MFC potrebbe essere utilizzata un giorno nel mondo in via di sviluppo in aree prive di servizi igienici e installata in case nel mondo sviluppato per aiutare a pulire i rifiuti prima di scorrere nella rete fognaria, riducendo l'onere delle aziende idriche a trattare l'effluente.
Il ricercatore responsabile Prof. Ioannis Ieropoulos ha dichiarato che era necessario stabilire che la tecnologia potrebbe combattere i patogeni in modo da poter essere considerata per essere utilizzata nel mondo in via di sviluppo.
I risultati della ricerca sono stati pubblicati in PLOS ONE. Prof. Ieropoulos, direttore del Bristol BioEnergy Center, con sede nel Bristol Robotics Laboratory di UWE Bristol, ha dichiarato che era la prima volta a livello mondiale che era stato segnalato che i patogeni potrebbero essere distrutti usando questo metodo.
"Siamo stati veramente eccitati con i risultati - ci mostra che abbiamo un sistema biologico stabile in cui possiamo trattare i rifiuti, generare elettricità ed eliminare gli organismi nocivi, facendoli passare alla rete fognaria", ha detto in una dichiarazione.
Era già stato stabilito che la tecnologia MFC creata dal team del dott. Ieropoulos poteva pulire con successo i rifiuti organici, inclusa l'urina, nella misura in cui potesse essere liberamente immessa nell'ambiente. Attraverso lo stesso processo, viene generata elettricità sufficiente per caricare un telefono cellulare.
Nel sistema, sviluppato con il finanziamento della Bill & Melinda Gates Foundation, il contenuto organico dell'urina viene consumato da microbi all'interno delle celle a combustibile, abbattendolo e generando energia.
Per l'esperimento di patogeni, Salmonella enteritidis è stato aggiunto all'urina che scorre attraverso il sistema, quindi controllato alla fine del processo per identificare se i batteri erano stati ridotti. Si dice che i risultati hanno rivelato che i numeri degli agenti patogeni erano diminuiti in modo significativo, al di là dei requisiti minimi utilizzati dal settore sanitario.
Altri agenti patogeni, compresi i virus, sono ora in fase di test e ci sono piani per esperimenti che stabiliranno se il sistema MFC può eliminare completamente i patogeni.
John Greenman, professore emerito di Microbiologia, ha dichiarato: "Il risultato meraviglioso in questo studio è stato che i test hanno mostrato una riduzione del numero di agenti patogeni oltre le aspettative minime nel mondo sanitario.
"Abbiamo ridotto notevolmente il numero di organismi patogeni ma non abbiamo dimostrato di poterli ridurre a zero e continueremo i lavori per verificare se possiamo eliminarli completamente ".
Prof. Ieropoulos ha dichiarato che il suo sistema potrebbe essere vantaggioso per l'industria delle acque reflue perché i sistemi MFC installati nelle case potrebbero portare ad essere più puliti quando si raggiunge il sistema fognario.
"Le aziende idriche sono sotto pressione per migliorare il trattamento e produrre acqua sempre più pulita alla fine del processo", ha detto. "Ciò significa che i costi sono in aumento, i livelli di consumo energetico sono alti e componenti chimici potenti devono essere usati".

Da:

https://www.theengineer.co.uk/energy-generating-biotech-shown-to-kill-pathogens/?cmpid=tenews_3539763