Archivio blog

giovedì 29 giugno 2017

Hand-Held Probe Can Detect Cancer Cells in Real-Time During Surgery. / La sonda a mano può rilevare le cellule tumorali in tempo reale durante l'intervento di chirurgia.

Hand-Held Probe Can Detect Cancer Cells in Real-Time During Surgery.La sonda a mano può rilevare le cellule tumorali in tempo reale durante l'intervento di chirurgia.


Segnalato dal Dott. Giuseppe Cotellessa / Reported by Dr. Giuseppe Cotellessa

Scientists in Montreal, Canada have perfected a hand-held Raman spectroscopy probe that surgeons can use to distinguish between cancer cells and normal tissue.
Raman spectroscopy is a technique that involves shining light on a material and analyzing how it scatters. Scientists have used the method for years to analyze and characterize living tissues and cells. This probe is the latest iteration of a Raman device this research team first developed in 2015. They have now perfected the design, and the new device has improved accuracy and is highly specific. It can reportedly detect brain, lung, colon and skin cancer cells, with almost 100% sensitivity.
In practical terms, a surgeon can point the probe at a suspect tissue during surgery and see if it contains any cancerous cells. This could be a game changer, as sometimes tumors are very difficult to distinguish from healthy tissue. “Minimizing, or completely eliminating, the number of cancer cells during surgery is a critical part of cancer treatment, yet detecting cancer cells during surgery is challenging,” explains Dr. Kevin Petrecca, a neurosurgical oncology specialist, and author on the recent study published in Cancer Research. “Often it is impossible to visually distinguish cancer from normal brain, so invasive brain cancer cells frequently remain after surgery, leading to cancer recurrence and a worse prognosis. Surgically minimizing the number of cancer cells improves patient outcomes.”
The new probe incorporates fluorescence spectroscopy to analyze the metabolic composition of the cells. The first probe is currently being tested in a large-scale clinical trial on patients with brain tumors. However, in a smaller trial, the new probe demonstrated a 10% increase in cancer detection sensitivity compared with the older design.
Schematic depiction of the probe being used to interrogate brain tissue during surgery. The image shows a photograph of the probe held by a surgeon, Raman spectral associated with normal brain and cancer, as well as a magnetic resonance image (MRI) of a brain cancer patient with the red area representing the tumor.
Rappresentazione schematica della sonda utilizzata per analizzare il tessuto cerebrale durante l'intervento chirurgico. L'immagine mostra una fotografia della sonda detenuta da un chirurgo, il graficoRaman spettrale associato al cervello normale e al cancro, nonché un'immagine a risonanza magnetica (MRI) di un paziente con cancro al cervello con l'area rossa che rappresenta il tumore.

ITALIANO
Gli scienziati di Montreal, in Canada, hanno perfezionato una sonda di spettroscopia Raman che i chirurghi possono utilizzare per distinguere tra cellule tumorali e tessuti normali.
La spettroscopia di Raman è una tecnica che prevede l'invio della luce brillante su un materiale e analizza il modo in cui scompare. Gli scienziati hanno usato il metodo da anni per analizzare e caratterizzare i tessuti e le cellule viventi. Questa sonda è l'ultima iterazione di un dispositivo Raman che questo gruppo di ricerca ha sviluppato per la prima volta nel 2015. Ora hanno perfezionato la progettazione e il nuovo dispositivo ha migliorato l'accuratezza ed è altamente specifico. Può essere usato per rilevare cellule del cervello, del polmone, del colon e della pelle, con una sensibilità quasi del 100%.
In pratica, un chirurgo può puntare la sonda in un tessuto sospetto durante l'intervento chirurgico e vedere se contiene delle cellule cancerose. Questo potrebbe essere molto importante, poiché talvolta i tumori sono molto difficili da distinguere dai tessuti sani. "Minimizzare o eliminare completamente il numero di cellule tumorali durante l'intervento chirurgico è una parte critica del trattamento del cancro, ma la rilevazione delle cellule tumorali durante l'intervento chirurgico è impegnativa", spiega il dottor Kevin Petrecca, un specialista di oncologia neurochirurgica e autore sul recente studio pubblicato nella ricerca sul cancro. "Spesso è impossibile distinguere visivamente il cancro dal cervello normale, quindi le cellule tumorali invasive del cervello rimangono spesso dopo l'intervento chirurgico, portando alla ricorrenza del cancro e a una prognosi peggiore. Minimizzare chirurgicamente il numero delle cellule tumorali migliora i risultati dei pazienti ".
La nuova sonda incorpora spettroscopia a fluorescenza per analizzare la composizione metabolica delle cellule. La prima sonda è attualmente in fase di sperimentazione in uno studio clinico su larga scala sui pazienti con tumori cerebrali. Tuttavia, in una prova con minori pazienti, la nuova sonda ha dimostrato un aumento del 10% della sensibilità al rilevamento del cancro rispetto al dispositivo precedente.
Da:
https://www.medgadget.com/2017/06/hand-held-probe-can-detect-cancer-cells-real-time-surgery.html