Archivio blog

venerdì 16 giugno 2017

I probiotici e il sistema immunitario / Probiotics and the immune system


I probiotici e il sistema immunitario Probiotics and the immune system


Segnalato dal Dott. Giuseppe Cotellessa / Reported by Dr. Giuseppe Cotellessa




Molti di noi devono convivere con vari problemi digestivi: pancia gonfia o pesante, stitichezza o diarrea, gas, crampi o altri fastidi. Tutto questo è spesso accompagnato da stanchezza, perdita di concentrazione e disagio psicologico profondo. Nella maggioranza dei casi si ignora che questi problemi sono strettamente connessi agli elementi costituenti della microflora intestinale. Se l’equilibrio è disturbato a causa di un errato stile di vita, si potranno avere effetti negativi sulla salute.
L’impatto incessante e dannoso dei vari fattori di rischio sull’organismo umano e il loro contributo allo sviluppo di malattie ha dato inizio ad una ricerca di mezzi efficaci e facilmente reperibili per proteggere la salute umana. Attualmente esiste una prova effettiva che i batteri “amici” “, i probiotici, sono di effettivo aiuto in queste situazioni. Oggi ne abbiamo bisogno in modo particolare per causa del nostro stile di vita errato, che genera un maggior bisogno di rafforzare il sistema immunitario per prevenire la comparsa e lo sviluppo di varie malattie “moderne”.
batteri probiotici lattici – lactobacillus e bifidus provenienti dallo yogurt o dai crauti si stabiliscono sulle pareti del colon e producono acido lattico e diversi altri acidi organici. Grazie alla loro presenza, i batteri patogeni e i batteri della putrefazione muoiono, e così la mucosa intestinale viene protetta dai vari attacchi aggressivi di altri batteri. Salvaguardano il sano funzionamento dell’intestino, e rafforzano direttamente il sistema immunitario, dato che le cellule immunitarie si formano proprio nell’intestino e la maggior parte del lavoro del sistema immunitario comincia proprio nelle pareti intestinali.
Assumere probiotici
Attualmente sono disponibili numerosi modi per aggiungere batteri probiotici all’intestino; ci sono infatti molti integratori alimentari concentrati di prima classe. E’ importante che i batteri vivi siano conteuti in capsule enteriche che sopportino l’acidità dello stomaco e assicurino la loro sopravvivenza nel passaggio attraverso lo stomaco. In questo modo essi raggiungono integri l’intestino tenue e crasso dove, almeno temporaneamente, colonizzano il tratto digestivo. I batteri probiotici in capsule sono in forma liofilizzata. La liofilizzazione è un processo di essiccamento, durante il quale il materiale grezzo prima viene congelato, e poi, per sublimazione, il ghiaccio viene rimosso. Il ghiaccio viene trasformato in vapore senza passare per lo stadio intermedio liquido. Il risultato di questo superbo processo tecnologico è una polvere batterica naturale al 100%. Il prodotto è molto leggero e ha una purezza microbiologica straordinaria. Il processo non cambia la caratteristiche morfologiche e biochimiche originali dei batteri che rimangono in vita per alcuni anni. Dopo che il guscio della capsula viene distrutto dagli enzimi digestivi dell’intestino, i batteri essiccati, liofilizzati, vengono rilasciati. Essi recuperano allora dall’ambiente circostante l’umidità che avevano perduto durante il processo di essiccamento e cominciano a moltiplicarsi. Le migliori forme di nutrimento per i probiotici sono i cosiddetti prebiotici, che, sotto forma di integratori alimentari di alta qualità, sono già inclusi nelle capsule.
I batteri intestinali e il loro ruolo
L’intestino è un ambiente unico in quanto fornisce uno spazio vivente per una pletora di batteri, molti dei quali non necessitano di aria per sopravvivere.
Essi formano la cosiddetta microflora intestinale. A seconda del loro impatto sull’organismo umano, i batteri intestinali possono essere suddivisi in due gruppi. Alcuni hanno un effetto positivo sul corpo umano e li chiameremo batteri benefici, altri, invece, hanno un effetto indesiderato o persino dannoso.
I batteri dannosi producono sostanze tossiche che possono alla lunga causare malattie e danneggiare permanentemente il corpo. I batteri benefici (i cosìddetti probiotici) hanno un impatto favorevole sull’equilibrio della flora intestinale; prevengono la crescita eccessiva dei batteri dannosi, favoriscono la digestione, rafforzano il sistema immunitario e favoriscono la resistenza alle infezioni.
I batteri benefici intestinali sono quelli che distruggono gli zuccheri complessi in chetoni; sono benefici perché :
  • hanno un impatto positivo sul pH intestinale
  • sono capaci di inibire la crescita dei batteri dannosi
  • producono vitamina B e K
  • aumentano il rifornimento di sangue alla muscosa intestinale
  • aiutano a distruggere resti di cibo non assorbito
  • abbassano il rischio di cancro
Quindi dobbiamo considerare la microflora intestinale come un microcosmo separato, capace di svolgere diverse attività benefiche per la nostra salute.
Se però l’equilibrio dei vari tipi individuali di batteri nel colon viene disturbato, l’ambiente all’interno dell’intestino cambia e questo può rappresentare l’inizio di qualcosa di potenzialmente dannoso. Compaiono così vari problemi digestivi (gas, crampi, troppa acidità, gonfiore, stitichezza, diarrea etc) che possono portare a serie malattie come infiammazione dell’intestino, colite ulcerativa, allergie, tumore del colon ecc.
Molestatori della microflora intestinale
Il tratto digestivo di un adulto è la dimora di un ecosistema microbiotico straordinario, che ospita almeno 500 tipi diversi di gruppi di batteri. Il funzionamento proprio e l’equilibrio della microflora intestinale possono essere disturbati in diversi modi:
  • i batteri intestinali della putrefazione provenienti da cibo avariato (carne, affumicati, uova o cibi parzialmente scaduti)
  • infezioni come Helicobacter pylori
  • cambiamento nelle abitudini alimentari
  • una quantità insufficiente di fibra nel cibo
  • stress
  • alcol
  • antibiotici (usati per trattare diverse malattie)
  • citostatici (medicinali contro il cancro)
  • immunosoppressivi (medicinali usati per sopprimere il sistema immunitario)
I probiotici offrono protezione
Un equilibrio disturbato può essere rettificato grazie a batteri lattici probiotici “amici”, chiamati anche probiotici. I probiotici hanno un effetto benefico sulla composizione della microflora intestinale. Con il loro aiuto il corpo umano è capace di usare al meglio vitamine, calcio o lattosio. I probiotici inoltre migliorano l’afflusso di sangue e il movimento dell’intestino (peristalsi). Hanno un effetto positivo sul sistema immunitario e la produzione di vitamina K e B12. I probiotici abbassano il rischio di infezioni nel tratto digestivo. Contribuiscono effettivamente al processo di digestione rendendo gli ingredienti di alcuni cibi più digeribili. Proteggono la nostra salute.
I probiotici si trovano naturalmente in alcuni cibi.
Batteri lattici comunemente usati come probiotici sono Streptococcus thermophilus, bifidobacteria (Bifidobacterium lactis, Bifidobacterium longum, Bifidobacterium breve) e lactobacilli (Lactobacillus Lactobacillus acidophilus, Lactobacillus rhamnosus, Lactobacillus bulgaricus etc.). Questi utili batteri lattici per lo più si trovano in latticini fermentati. Yogurt intero bianco, latte acidofilo, kefir, ricotta con culture lattiche vive, ma anche crauti non sterilizzati, cetriolini fermentati ecc., sono solo alcuni esempi di prodotti del latte e verdure fermentate che possiedono proprietà salutari.
I probiotici e il sistema immunitario
Il tratto digestivo gioca un ruolo importante anche per il meccanismo di difesa dell’organismo. Ma, per ignoranza, il suo ruolo viene spesso trascurato. L’intestino non è solo responsabile della digestione del cibo ma anche di molte altre funzioni. E’ l’intestino che gioca un ruolo importantissimo nella formazione di una reale linea di difesa contro le influenze esterne. La funzione difensiva dell’intestino è svolta dalla microflora intestinale, dalla mucosa intestinale, dal sistema immunitario intestinale.
I probiotici inibiscono o uccidono la crescita dei microorganismi dannosi o indesiderati che si trovano nell’intestino: producendo sostanze batteriostatiche e battericide competendo con essi per accaparrarsi nutrimento (sostanze nutrienti, vitamine, fattori di crescita) producendo acido lattico che abbassa il pH intestinale (questo ha un impatto diretto sui microorganimi patogeni e potenzialmente patogeni).
In questo modo i probiotici assicurano una protezione contro una ampia gamma di batteri patogeni tra cui, per esempio, il ceppo Salmonella o Shigella e altri batteri potenzialmente patogeni come Clostridium, Helicobacter o Candida albicans.
I probiotici mantengono la corretta composizione della microflora e contribuiscono così ad uno stato idoneo e equilibrato della mucosa e conseguentemente di tutto il sistema immunitario. Approssimatiamente il 70% del sistema immunitario si trova proprio nell’intestino. Per questo motivo, il contatto con microorganismi dannosi può qui creare una forte infiammazione. La ritenzione delle cellule immuni in aree di infiammazione deve essere attentamente cotrollata per prevenire la formazione di serie malattie. I batteri probiotici hanno un effetto positivo perchè regolano la migrazione delle cellule immuni verso il centro dell’infiammazione. Questo è il modo in cui i probiotici ci proteggono da uno squilibrio che porta ad intolleranze e contribuiscono ad allergie e malattie autoimmuni.
Prebiotici- cibo per probiotici
Mentre si procede con l’età, la composizione della microflora intestinale passa attraverso cambiamenti significativi e notevoli. Molti studi mettono in risalto che l’alimentazione e l’età sono gli elementi di maggiore influenza sui vari batteri presenti nella microflora intestinale. A causa di un’insufficiente quantità di fibra nei cibi (o a causa dell’età) i batteri probiotici possono scomparire totalmente. D’altra parte il numero degli enterococchi patogeni, enterobacteria e batteri clostridium aumenta. Questo può portare alla crescita di elementi patogeni e tossine, cancro e disturbi nel funzionamento del fegato.
Affinchè i batteri probiotici possano vivere e moltiplicasi in maniera ottimale nell’intestino hanno bisogno di elementi di cibo indigeribile -fibra- che influenza favorevolmente e selettivamente la loro crescita. Questi elementi si chiamano prebiotici. Un prebiotico deve rispondere ai seguenti criteri:
  • essere indigeribile, cioè resistente agli acidi dello stomaco e agli enzimi nel tratto digestivo
  • essere capace di essere digerito e scisso dai batteri intestinali buoni
  • essere capace di stimolare selettivamente la crescita o l’attività di solamente i batteri intestinali che hanno un impatto benefico sulla salute.
I criteri sopra menzionati sono rispettati solo da alcuni oligosaccaridi indigeribili di varia origine.
Per gli essere umani il latte materno è la fonte dei primi e migliori prebiotici. Un litro di latte materno contiene fino a 15 g di oligossacaridi indigeribili.
Uno dei prebiotici più utili è la inulina. La radice della pianta cicoria (usata anche per fare sostituti del caffè) è una delle fonti più ricche di inulina. Un’altra fonte si tova nei carciofi quando consumati come insalata. Ma la fonte più ricca è la radice della comune cicoria (Cichorium intybus). Le sue proprietà curative sono conosciute fin dagli inizi dell’età moderna.
Tutti i prebiotici commerciali contemporanei sono oligosaccaridi o polisaccaridi. Dieci studi sugli umani hanno dimostrato che la migliore efficacia si raggiunge con i fruttooligosaccaridi (Fos).
Dopo l’assunzione di 1-20 g di Fos al giorno si ha una crescita dei bifidobatteri di dieci volte. Per questo motivo, attualmente i fruttoligosaccaridi (FOS) sono spesso aggiunti come prebiotici ai cibi e ai foraggi.
La necessità di assumere probiotici regolarmente
Qual’è la differenza tra i comuni batteri della flora intestinale e i batteri probiotici? I batteri intestinali sono batteri di lunga vita del tratto digestivo ed hanno la capacità di vivere continuamente e moltiplicarsi all’interno. Un probiotico è un batterio vivente che sta nel tratto digestivo solo temporaneamente, ma non è capace di colonizzarlo a lungo termine. Questo spiega anche perchè è necessario usare probiotici a lungo termine per avere un effetto positivo. I più comuni sono alcuni dei batteri nobili della fermentazione del latte – bifidus e lactobacillus. I probiotici sono anche aggiunti ai cibi cosìddetti funzionali. Come elementi puri, si possono assumere anche sotto forma di capsule, pillole o sciroppi.
Assumere probiotici.
I probiotici devono essere consumati in involucri che gli consentano di sopravvivere nel viaggio attraverso lo stomaco (e gli effetti della bile dello stomaco), così da poter svolgere il loro impatto positivo sull’intestino tenue e sul colon.
Attualmente ci sono molti modi di introdurre i batteri probiotici benefici nell’intestino sotto forma di integratori alimentari di alta qualità (in forma concentrata, in capsule). Oltre alla capacità di sopravvivere attraverso il passaggio nello stomaco e l’intestino tenue, e nel frattempo eventualmente colonizzare il tratto digestivo, anche la composizione dei batteri vivi è importante. Ecco perchè i batteri probiotici in capsule sono liofilizzati, seccati dopo essere stati congelati. Questa forma è il risultato di un processo di essiccamento in cui il materiale grezzo viene prima congelato e poi il ghiaccio rimosso tramite sublimazione. Il ghiaccio viene trasformato in vapore senza lo passare dallo stadio intermedio di liquido. Il risultato di questo meraviglioso processo tecnologico è una polvere batterica naturale al 100%. Il prodotto è molto leggero e ha una purezza microbiologica straordinaria. Il processo non cambia le caratteristiche morfologiche e biochimiche originali dei batteri che rimangono in vita per alcuni anni. Dopo che il guscio della capsula viene distrutto dagli enzimi digestivi dell’intestino, i batteri secchi, liofilizzati vengono rilasciati.
Essi recuperano allora gradualmente dall’ambiente circostante l’umidità che avevano perduto durante il processo di essiccamento e cominciano a moltiplicarsi. Il loro miglior nutrimento è costituito dai FOS (fruttooligosaccaridi), prebiotici che, come integratori alimentari di alta qualità, sono già inclusi nelle capsule.
Una selezione adatta di culture probiotiche che possano sopravvivere durante il viaggio fino al colon può prevenire la comparsa di vari problemi digestvi e di altre gravi malattie “moderne”.
I probiotici e i bambini
Molte persone hanno giá sperimentato l’effetto positivo dei probiotici notando la diminuzione o la minore durata di alcune malattie. Ma è necessario realizzare che il significato principale sta nel loro effetto preventivo, e questo soprattutto per i bambini. Si è già visto come durante l’infanzia la composizione della dieta sia un fattore di grande importanza nel sano sviluppo del bambino.
Da questo punto di vista il latte materno è unico e non può essere sostituito da nient’altro; ha una grande influenza sulla composizione della miroflora intestinale.
Ricerche hanno dimostrato che bambini che hanno ricevuto latte materno hanno una maggiore quantità di batteri probiotici, soprattutto del tipo lactobacillus, rispetto ai bambini allattati artificialmente. Questo è direttamente verificabile dalla comparsa di diarrea, che è molto meno presente nei bambini allattati al seno. E’ stato inoltre scoperto che l’allattamento al seno, e quindi la maggiore presenza di batteri probiotici, aiuta a prevenire il morbo di Crohn nei bambini.
I bambini allattati artificilamente hanno la stessa microflora intestinale degli adulti; ma per i bambini il pericolo di allergie o infezioni è maggiore. Ricerche a lungo termine hanno confermato che quando sono stati dati probiotici a questi bambini insieme ad una dieta regolare, le allergie della pelle o al cibo scomparivano.
I probiotici giocano un ruolo importante anche più avanti con l’età, quando i bambini cominciano ad entrare costantemente in contatto con batteri patogeni nuovi. All’asilo e più tardi alla scuola elementare, i bambini sono attaccati da batteri contro i quali il loro corpo non è preparato. E’ quindi necesario rifornirli di un numero ottimale di batteri benefici. I probiotici formano una pellicola ininterrotta di protezione nella mucosa intestinale e così prevengono la colonizzazione dell’intestino da parte dei microorganismi patogeni e la loro crescita eccessiva.
Gli effetti positivi dei batteri probiotici sui bambini comprendono:
  • Un migliore assorbimento di vitamine e minerali dal cibo
  • Un migliore assorbimento del calcio per le ossa, favorendo così una sana crescita
  • La stimolazione del sistema immunitario e altri meccanismi di difesa dell’organismo
  • Il ripristino della microflora intestinale durante o dopo trattamenti con antibiotici
  • La prevenzione e il trattamento di stitichezza e diarrea
  • La diminuzione dei sintomi di malattie della pelle (vari eczemi, compresi eczemi atopici, acne, ecc.)
  • L’alleviamento dei sintomi di allergie al cibo (anche a lungo termine)
  • La protezione da malattie e infezioni da contatto con gruppi di bambini

ENGLISH

Many of us have to live with various digestive problems: swollen or heavy belly, constipation or diarrhea, gas, cramps or other problems. All this is often accompanied by fatigue, loss of concentration, and deep psychological discomfort. In the majority of cases, it is ignored that these problems are closely related to the constituent elements of intestinal microflora. If the balance is disturbed due to a wrong lifestyle, you may have negative health effects.

The incessant and damaging impact of the various risk factors on the human body and their contribution to the development of diseases has begun a search for effective and easily accessible means to protect human health. There is currently an effective test that "friends" bacteria, probiotics, are actually helpful in these situations. Today we need it particularly because of our wrong lifestyle, which generates a greater need to strengthen the immune system to prevent the onset and development of various "modern" diseases.

Lactic probiotic bacteria - lactobacillus and bifidus from yogurt or sauerkraut settle on the colon walls and produce lactic acid and several other organic acids. Due to their presence, pathogenic bacteria and bacteria of the putrefaction die, and so the intestinal mucosa is protected by the aggressive attacks of other bacteria. They preserve the healthy functioning of the intestine, and directly strengthen the immune system, as immune cells form just in the intestine and most of the immune system's work begins right in the intestinal walls.

Take probiotics
There are currently many ways to add probiotic bacteria to the intestine; There are in fact many first-class concentrated food supplements. It is important that live bacteria are contained in enteric capsules that ensure the acidity of the stomach and ensure their survival in the passage through the stomach. In this way, they reach the intense small intestine where, at least temporarily, colonize the digestive tract. Probiotic bacteria in capsules are in lyophilized form. Freeze-drying is a drying process during which the raw material is first frozen, and then, by sublimation, the ice is removed. The ice is transformed into steam without passing through the intermediate liquid stage. The result of this superb technological process is 100% natural bacterial powder. The product is very light and has an extraordinary microbiological purity. The process does not change the original morphological and biochemical characteristics of bacteria that remain alive for some years. After the capsule shell is destroyed by digestive enzymes in the intestine, the dried, lyophilized bacteria are released. They then recover from the environment surrounding the humidity they had lost during the drying process and began to multiply. The best forms of nutrition for probiotics are so-called prebiotics, which, in the form of high-quality dietary supplements, are already included in the capsules.

Intestinal bacteria and their role

The intestine is a unique environment as it provides living space for a plethora of bacteria, many of which do not need air to survive.

They form the so-called intestinal microflora. Depending on their impact on the human body, intestinal bacteria can be divided into two groups. Some have a positive effect on the human body and will call them beneficial bacteria, others have an undesirable or even harmful effect.

Dangerous bacteria produce toxic substances that can cause long-lasting illness and permanently damage the body. The beneficial bacteria (the so-called probiotics) have a favorable impact on the balance of the intestinal flora; Prevent the excessive growth of harmful bacteria, promote digestion, strengthen the immune system and promote resistance to infections.

The intestinal benefits bacteria are those that destroy complex sugars in ketones; Are benefits because:

Have a positive impact on the intestinal pH
Are able to inhibit the growth of harmful bacteria
They produce vitamin B and K
Blood supply to the intestinal musculature increases
Help destroy ruined food that is not absorbed
Lower the risk of cancer
So we must consider intestinal microflora as a separate microcosm, capable of carrying out various beneficial activities for our health.
However, if the balance of the individual types of bacteria in the colon is disturbed, the environment within the intestine changes and this may be the beginning of something potentially harmful. There are many digestive problems (gas, cramps, too much acidity, swelling, constipation, diarrhea etc) that can lead to serious illnesses such as bowel inflammation, ulcerative colitis, allergies, colon cancer etc.

Intestinal microflora bickers
The digestive tract of an adult is the home to an extraordinary micro biotic ecosystem, which hosts at least 500 different types of bacterial groups. The proper functioning and balance of intestinal microflora can be disturbed in several ways:

Intestinal bacteria from rotting from spoiled food (meat, smoked, eggs or partially expired foods)
Infections such as Helicobacter pylori
Change in eating habits
An insufficient quantity of fiber in food
stress
alcohol
Antibiotics (used to treat various diseases)
Cytostatics (medicines against cancer)
Immunosuppressive medicines (used to suppress the immune system)
Probiotics offer protection
A disturbed balance can be rectified by probiotic lactic bacteria "friends", also called probiotics. Probiotics have a beneficial effect on the composition of intestinal microflora. With their help the human body is able to use the best vitamins, calcium or lactose. Probiotics also improve blood flow and bowel movement (peristalsis). They have a positive effect on the immune system and the production of vitamin K and B12. Probiotics lower the risk of infections in the digestive tract. They actually contribute to the digestion process by making the ingredients of some more digestible foods. They protect our health.

Probiotics are naturally found in some foods.

Lactic bacteria commonly used as probiotics are Streptococcus thermophilus, bifidobacteria (Bifidobacterium lactis, Bifidobacterium longum, Bifidobacterium short) and lactobacilli (Lactobacillus Lactobacillus acidophilus, Lactobacillus rhamnosus, Lactobacillus bulgaricus, etc.). These useful fatty bacteria are mostly found in fermented dairy products. White whole yogurt, acidophilic milk, kefir, ricotta with live lactic cultures, but also non-sterilized sauerkraut, fermented gherkins etc. are just a few examples of fermented milk and vegetable products that possess healthy properties.

Probiotics and the immune system
The digestive tract plays an important role also in the body's defense mechanism. But, for ignorance, his role is often overlooked. The intestine is not only responsible for food digestion but also for many other functions. It's the intestine that plays a very important role in forming a real defense line against external influences. The defensive function of the intestine is performed by intestinal microflora, intestinal mucosa, intestinal immune system.

Probiotics inhibit or kill the growth of harmful or undesirable microorganisms in the intestine: producing bactericidal and bactericidal substances competing with them to gain nutrition (nutrients, vitamins, growth factors) producing lactic acid that lowers intestinal pH (this Has a direct impact on pathogenic and potentially pathogenic microorganisms).

In this way, probiotics provide protection against a wide range of pathogenic bacteria including, for example, the Salmonella or Shigella strain and other potentially pathogenic bacteria such as Clostridium, Helicobacter or Candida albicans.

Probiotics retain the correct microflora composition and thus contribute to an appropriate and balanced state of the mucosa and consequently to the entire immune system. Approximately 70% of the immune system is right in the intestine. For this reason, contact with harmful microorganisms can cause strong inflammation here. Retention of immune cells in inflammation areas must be carefully monitored to prevent the formation of serious illnesses. Probiotic bacteria have a positive effect because they regulate the migration of immune cells to the center of inflammation. This is how probiotics protect us from an imbalance that leads to intolerance and contributes to allergies and autoimmune diseases.

Prebiotics- food for probiotics
As the age progresses, the composition of the intestinal microflora passes through significant and remarkable changes. Many studies point out that nutrition and age are the most influential factors on the various bacteria present in the intestinal microflora. Because of insufficient fiber in foods (or because of age) probiotic bacteria may disappear altogether. On the other hand, the number of pathogenic enterococci, enterobacteria and Clostridium bacteria increases. This can lead to the growth of pathogens and toxins, cancer and liver dysfunction.

For probiotic bacteria to live and multiply in the intestine need immune-resistant fibrous elements, they favorably and selectively influence their growth. These elements are called prebiotics. A prebiotic must meet the following criteria:

Be indigestible, ie resistant to stomach acids and enzymes in the digestive tract
Be able to be digested and skimmed by good intestinal bacteria
Be able to selectively stimulate the growth or activity of only intestinal bacteria that have a beneficial health impact.
The above-mentioned criteria are only respected by some indigestible oligosaccharides of various origin.

For humans, breast milk is the source of the first and best prebiotics. One liter of breast milk contains up to 15 g of indigestible oligosaccharides.

One of the most useful prebiotics is inulin. The chicory root (also used to make coffee substitutes) is one of the richest sources of inulin. Another source comes in artichokes when eaten as a salad. But the richest source is the root of the common chicory (Cichorium intybus). Its healing properties have been known since the beginning of the modern age.

All contemporary commercial prebiotics are oligosaccharides or polysaccharides. Ten human studies have shown that the best efficacy is achieved with fructooligosaccharides (Fos).

After taking 1-20 g of Fos per day, there is a 10-fold increase in bifidobacteria. For this reason, Fructooligosaccharides (FOS) are often added as prebiotics to foods and fodder.

The need to take probiotics regularly
What is the difference between common bacteria of intestinal flora and probiotic bacteria? Intestinal bacteria are long-life digestive tract bacteria and have the ability to live continuously and multiply within. A probiotic is a living bacterium that is in the digestive tract only temporarily but is unable to colonize it in the long run. This also explains why it is necessary to use long-term probiotics to have a positive effect. The most common are some of the noble fermentation bacteria of the milk - bifidus and lactobacillus. Probiotics are also added to the so-called functional foods. As pure elements, they can also be taken in the form of capsules, pills or syrups.

Take probiotics.

Probiotics should be worn into envelopes that will allow them to survive in the stomach (and the effects of bile stomach) so that they can play their positive impact on the small intestine and colon.

There are currently many ways of introducing beneficial probiotic bacteria into the intestines in the form of high-quality dietary supplements (concentrated, in capsules). In addition to the ability to survive through the passage in the stomach and the small intestine, and in the meantime colonize the digestive tract, even the composition of living bacteria is important. That is why probiotic bacteria in capsules are freeze-dried, dried after being frozen. This form is the result of a drying process in which the raw material is first frozen and then the ice is removed by sublimation. The ice is transformed into steam without passing through the intermediate liquid stage. The result of this wonderful technological process is 100% natural bacterial powder. The product is very light and has an extraordinary microbiological purity. The process does not change the original morphological and biochemical characteristics of the bacteria that remain alive for a few years. After the capsule shell is destroyed by digestive enzymes in the intestine, dried, lyophilized bacteria are released.

They then recover from the environment around the moisture they had lost during the drying process and began to multiply. Their best nutrition consists of FOS (Fruit Oligosaccharides), prebiotics, which, as high-quality dietary supplements, are already included in the capsules.

A suitable selection of probiotic cultures that can survive while traveling to the colon can prevent the appearance of various digestive problems and other serious "modern" diseases.

Probiotics and children
Many people have already experienced the positive effect of probiotics by noting the decrease or the lesser duration of certain diseases. But it is necessary to realize that the main meaning lies in their preventive effect, and this especially for children. It has already been seen how childhood composition is a major factor in healthy development of the baby.

From this point of view breast milk is unique and can not be replaced by anything else; It has a great influence on the composition of intestinal miroflora.

Studies have shown that children who have received breast milk have a greater amount of probiotic bacteria, especially of the lactobacillus type, than artificially lactated babies. This is directly verifiable by the onset of diarrhea, which is much less present in breastfed children. It has also been found that breastfeeding, and therefore the greater presence of probiotic bacteria, helps to prevent Crohn's disease in children.

Artificially laced babies have the same intestinal microflora as adults; but for children, the risk of allergies or infections is greater. Long-term research has confirmed that when probiotics were given to these children along with a regular diet, skin allergies or food disappeared.

Probiotics play an important role even later with age when children begin to enter into constant contact with new pathogenic bacteria. In kindergarten and later in primary school, children are attacked by bacteria against which their body is not prepared. It is, therefore, necessary to supply them with an optimal number of beneficial bacteria. Probiotics form an uninterrupted protective film in the intestinal mucosa and thus prevent colonization of the intestine by pathogenic microorganisms and their excessive growth.

The positive effects of probiotic bacteria on children include:

Better absorption of vitamins and minerals from food
Better absorption of calcium for the bones, thus promoting healthy growth
The stimulation of the immune system and other mechanisms of defense of the organism
Restoration of intestinal microflora during or after antibiotic treatment
Prevention and treatment of constipation and diarrhea
The reduction in the symptoms of skin diseases (various eczema, including atopic eczema, acne, etc.)
Relief of allergy symptoms to food (even in the long term)
Protection against diseases and contact infections with groups of children

Da:

http://www.disintossicazione-puliziaintestinale.com/probiotici-sistema-immunitario/